Mercoledì 01 Dicembre 2021
area riservata
ASAPS.it su
Editoriali 30/05/2012

Emilia Romagna
Il secondo colpo ci ha messo veramente in ginocchio
Vittime e crolli. Vanno giù anche il Commissariato e il Distaccamento Polizia Stradale di Mirandola
Le pacche sulle spalle non bastano più
Ora serve il braccio forte dello Stato e della solidarietà civile

La fuga dalla scossa - Foto AP

(ASAPS) A distanza di 10 giorni dellla prima botta fortissima del 20 maggio scorso poco dopo le 4 di notte e alla serie infinita di altre scosse, ecco che, mentre nell'area colpita ci si stava lentamente rialzando, è arrivata una seconda scossa magnitudo 5,8, seguita da un serpente di altre scosse, alcune ancora superiori a 5 gradi Richter che hanno semisdistrutto Cavezzo, Mirandola, Medolla, S.Felice sul Panaro.
Ora le vittime sono già decine: 18 per questa seconda scossa, 7 nella prima. Molte fra gli operai italiani e stranieri che erano timidamente tornati al lavoro nei capannoni della operosssima Emilia fra Modena e Ferrara. Fra le vittime  anche donne e un sacerdote.
Ecco,  questo colpo ha messo in ginocchio tutta l'area che è il cuore della produttività nel nostro paese e migliaia  di persone sono fuori dalle loro case sotto le tendopoli che vengono allestite per questa  ulteriore dramamtica situazione.
Confidiamo che chi deve capire capisca che ora la situazione è veramente precipitata e le pacche sulle spalle non bastano più. Ora serve il braccio forte dello Stato e della solidarietà civile per fare rialzare la popolazione, per metterla in protezione totale e per poi far ripartire la produzione di questo cuore pulsante  dell'economia del Paese.
Le vittime sono fortunatamente meno rispetto a quelle dell'Aquila, ma il danno all'economia è esorbitante. Il sisma insieme a chiese e ospedali ha lesionato in modo irreversibile anche il Commissariato e il Distaccamento Polizia Stradale di Mirandola.
Ora facciamo ognuno  la nostra parte per far risollevare questa industriosa  terra. L'ASAPS ci sarà.
 


Giordano Biserni
Presidente ASAPS

 


 

Mercoledì, 30 Maggio 2012
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK