Domenica 14 Aprile 2024
area riservata
ASAPS.it su

Rassegna stampa alcol e guida del 29 ottobre 2005

RASSEGNA STAMPA "ALCOL E GUIDA"

Note a cura di Alessandro Sbarbada
Servitore-Insegnante in un Club degli Alcolisti in trattamento a Mantova.


 

LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO

 

C’è un incremento di patologie legate a queste dipendenze 

 

Quinto: «Preoccupano droga e alcol»

POLICORO«Non ci sono grandi differenze tra lo stato di salute della popolazione della Asl n.5 tra il 2004 ed il 2003. Ci sono stati miglioramenti, però, per le neoplasie e per le malattie cardiovascolari». Così, il direttore generale, Pietro Quinto, alla presentazione del documento che ha tracciato un quadro di quanto è stato fatto nel territorio, per quanto concerne l’attività di strutture e servizi sanitari. «Hanno dato buoni risultati gli screening per prevenire il cancro della mammella e del collo dell’utero. Sul cardiovascolare ha pagato l’adozione di corretti stili di vita su cui si fa grande affidamento. Quel che preoccupa è l’incremento delle patologie legate alle dipendenze da stupefacenti e da alcol. Ecco come la Relazione sanitaria annuale, da adempimento burocratico, si trasforma in uno strumento di conoscenza della realtà della Asl e dello stato di salute della popolazione. Un monitoraggio a disposizione di chi voglia avere un quadro chiaro di quanto è stato fatto e su quel che c’è da fare. A tale riguardo è un documento che rende trasparente la nostra attività e la sottopone al giudizio della opinione pubblica». fi.me.

 

IL GAZZETTINO (Rovigo)

INAUGURAZIONE Un centro contro alcool e droga
 

Porto Tolle (Gi.Di.) Il Centro diurno per persone con problemi correlati all’uso e dipendenza da alcool e droga, con sede in via Matteotti 40 a Ca’ Tiepolo di Porto Tolle, sarà inaugurato oggi alla presenza dell’assessore regionale alle Politiche sociali, Antonio De Poli, e del vescovo della diocesi di Chioggia, Angelo Daniel. L’attivazione o meglio la ristrutturazione del Centro diurno a Porto Tolle è stata possibile sulla base di un progetto finanziato dal Fondo regionale per la lotta alla droga degli anni 2002-2005, dai contributi della fondazione Cassa di risparmio di Padova e Rovigo, dell’amministrazione comunale di Porto Tolle e della Caritas della diocesi di Chioggia.

 

 

 

LA PROVINCIA DI CREMONA

 

Vicobellignano. L’incontro in oratorio
La noia, ‘amica’ di droga e alcol

VICOBELLIGNANO (Casalmaggiore) — Continuano con successo gli incontri promossi dall’amministrazione comunale in collaborazione con l’associazione ‘Il Gabbiano’ sulle dipendenze. Mercoledì sera, infatti, più di una trentina di persone — tra questi molti genitori di adolescenti e insegnanti di istituti locali — ha preso parte nel salone dell’oratorio all’incontro con la dottoressa Teresa Giarelli, neuropsichiatra dell’Oglio Po, dal titolo ‘Alcol e stupefacenti: che fare?’. A fianco della Giarelli l’assessore ai Servizi sociali Ermelinda Casali. Partendo dai dati raccolti in una comunità di Torino, Giarelli ha presentato le principali cause che spingono i giovani verso la droga. Tra queste vi è la noia vista come assenza di motivazioni o di passione: «Tutti hanno diritto a momenti di ‘ozio’, ma se questo è determinato dalla mancanza di voglia di fare allora è pericoloso — spiega Casali —. Da qui il suggerimento rivolto ai genitori dei nostri ragazzi di spingere gli adolescenti verso l’impegno di qualunque genere». (a.c.)

 

 

CORRIERE ROMAGNA

 

Niente alcolici alla partita: da ora il divieto è automatico

 

RIMINI - Quello che prima era un provvedimento adottato, volta per volta, per ogni singola partita della Rimini Calcio in casa, ora diventa istituzionale. Il Comune rende noto infatti che “per garantire una maggiore sicurezza e lo svolgimento in un clima più sereno delle partite casalinghe del Rimini Calcio nell’ambito del campionato di serie B 2005/2006, sulla base di una specifica nota della Questura, ha deciso di vietare la somministrazione di bevande alcoliche nella fascia oraria compresa tra le due ore precedenti e le due ore successive allo svolgimento di ogni incontro casalingo del Rimini Calcio agli esercizi posti all’interno dello stadio ’Romeo Neri’ e nel perimetro in prossimità dello stesso. Per l’esattezza dall’intersezione di via Flaminia con via Tripoli; lungo via Tripoli fino a via Ugo Bassi; lungo via Ugo Bassi fino all’incrocio con via Giovanni Pascoli; lungo via Giovanni Pascoli fino all’intersezione con via Flaminia; lungo via Flaminia fino a via Tripoli”. Chi trasgredisce riceverà una sanzione da mille a seimila euro.

 

IL GIORNALE DI VICENZA

 

Guidava ubriaco. La disgrazia a Creazzo
Due amici morirono Tredici mesi all’autista

 

Luca Maras guidava ubriaco la notte in cui si schiantò a Olmo di Creazzo in viale Italia. Nel violento impatto della sua Seat Ibiza contro un edificio morirono sul colpo gli amici Alexandrov Stanisa e Dejan Novakovic. Ieri mattina davanti al giudice Eloisa Pesenti, Maras, 29 anni, Vicenza, via Borella 35, ha patteggiato 1 anno 2 mesi di reclusione per l’omicidio colposo plurimo e un mese di arresto per la guida in stato d’ebbrezza alcolica (ben 2,71 quando il limite è 0,50). Il gup gli ha inoltre sospesa la patente per 15 mesi. La disgrazia avvenne alle 2.15 del 7 luglio 2002. Maras, difeso dall’avv. Tommaso Toniolo, per imperizia e imprudenza perse il controllo della vettura che guidava ad alta velocità in centro abitato, a causa della strada bagnata per la pioggia, sfuggì al suo controllo e finì contro il muro di una casa. I due passeggeri morirono all’istante.
 

SUPEREVA NOTIZIE
UBRIACO COLPISCE ANZIANO E AGGREDISCE MARESCIALLO, ARRESTATO

 

Bologna, 28 ott. (Adnkronos) - Ubriaco si e’ scagliato senza ragione contro un pensionato che era uscito in strada per gettare l’immondizia nel bidone. E, poco dopo la stessa sorte e’ toccata a un maresciallo in borghese che stava prestando soccorso all’anziano. L’episodio e’ accaduto a Idice, frazione di San Lazzaro di Savena, sulla via Emilia, a pochi chilometri da Bologna.

 

 

 

IL TEMPO

 

Delitto di Vera, per Nabil solo giudici donne
La giovane tedesca fu trovata il 20 agosto nel fiume. Unico imputato il marocchino

UN COLLEGIO tutto al femminile giudicherà Nabil Benyhaya, il giovane marocchino accusato di morte come conseguenza di altro delitto e sequestro di persona, nell’ambito dell’indagine sulla morte della turista tedesca Vera Heinzl, il cui cadavere fu trovato il 20 agosto dello scorso anno nel Tevere. Oltre al presidente e ai giudici a latere, è donna anche il rappresentante della pubblica accusa, il pm Gloria Attanasio. Per Nabil, ulteriori contestazioni sulle quali si concentrerà il processo sono quelle di violenza sessuale nei confronti di una studentessa romana, nonchè di cessione di sostanze stupefacenti e rapina impropria. Ieri mattina prima udienza con la costituzione delle parti e l’ammissione delle fonti di prova e dei testimoni e immediato rinvio al prossimo 24 novembre. Il ragazzo nordafricano fu arrestato il 24 agosto dello scorso anno dalla squadra mobile di Roma, dopo il ritrovamento del cadavere della giovane turista tedesca Vera Heinzl affiorato dalle acque del Tevere. Secondo gli investigatori, i due si erano conosciuti la sera del 19 agosto, sulla scalinata di piazza di Spagna, dove avevano trascorso alcune ore insieme. Poi, Nabil e Vera avrebbero passato la serata in una discoteca, nei pressi di piazza Venezia. Secondo una consulenza medico-legale, alla giovane turista tedesca furono fatte assumere una cospicua quantità di alcool e sostanze stupefacenti.

 

 

EMILIANET

 

Alla guida sotto l’effetto di droghe e alcol: 2 denunce
Continuano le operazione dei carabinieri di Reggio sulle strade di città e provincia. Nel 2005 ritirate 247 patenti

REGGIO EMILIA (28 ott. 2005) - Nonostante la guida in stato d’ebbrezza e sotto l’effetto di sostanze stupefacenti, insieme all’alta velocità, siano le principali cause di morte negli incidenti stradali, altri due automobilisti ubriachi sono stati denunciati dai Carabinieri. Si tratta di un 31enne e un 35enne, entrambi residenti a Parma. Il primo è risultato positivo all’alcol test, il secondo aveva assunto droga. Dal 1 gennaio al 30 settembre di quest’anno, i soli carabinieri hanno denunciato 162 conducenti per guida in stato d’ebbrezza e 85 per guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti. Complessivamente sono state 247 le patenti ritirate nel 2005.

 

 

IL GAZZETTINO (Pordenone)

 

Aumentano i casi di questa patologia. Domani (dalle 9 alle 12) nell’Unità operativa di Dermatologia incontro con i medici

 

Psoriasi, in ospedale aperti gli ambulatori

 
 

Chiazze rosse che tendono a squamarsi e che colpiscono in particolare sempre le stesse parti del corpo. È la psoriasi, una patologia in continua espansione, anche nella Destra Tagliamento. Non a caso domani l’ambulatorio dermatologico dell’ospedale Santa Maria degli Angeli resterà aperto dalle 9 alle 12 per tutti quanti vorranno chiedere spiegazioni. A spiegare tutto sulla patologia sarà la dottoressa Maria Teresa Corradin, dermatologa e delegato regionale dell’Adoi. «Definiamo come psoriasi - spiega direttamente la dermatologa - una malattia che è caratterizzata dalla presenza di chiazze e ricoperta da squame facilmente asportabili, di colorito biancastro. La percentuale di persone affette da una qualche forma di questa malattia è stimata intorno al 2-3 per cento. Di questi il 10 \% è colpito da una forma grave o complicata che può richiedere anche il ricovero ospedaliero. Molti fattori sono implicati nella sua comparsa - va avanti la dottoressa Corradin - fra cui traumi fisici ripetuti, alcuni farmaci, infezioni, traumi psicologici, fumo, dieta, aumento nell’indice di massa corporea e assunzione di alcolici». «Raramente - spiega ancora la dermatologa - la psoriasi si manifesta prima della pubertà. Ci sono due picchi di incidenza: uno precoce (16-22 anni) e uno tardivo (57-60 anni). Se c’è familiarità la psoriasi inoltre si manifesta più precocemente e l’esordio precoce si accompagna ad una maggior gravità del quadro. La psoriasi inoltre compare più precocemente ed ha una incidenza maggiore nelle donne. Ma come si cura? «Si tratta di una malattia a eziologia sconosciuta con un decorso imprevedibile, spesso cronico e recidivante. Pertanto il trattamento si impernia su presidi di tipo sintomatico, intesi a indurre la remissione temporanea delle lesioni o a renderle maggiormente accette al paziente. La terapia della psoriasi può essere sia topica, con applicazione cioè locale che generale, con assunzione di farmaci per via sistemica. L’iniziativa di domani - conclude la dottoressa Corradin - si propone di informare i pazienti non solo su cause, modalità di comparsa, epidemiologia della malattia, ma anche di illustrare il progetto PsoCare. La Regione ha già individuato i Centri di riferimento per questo progetto, che sono le cliniche universitarie di Dermatologia (Udine e Trieste) e le Unità operative di Dermatologia delle Aziende Ospedaliere di Udine, Gorizia e Pordenone».

 

 

 

IL GIORNALE DI VICENZA

 

- L’EX STELLA DEL MANCHESTER
George Best finisce in terapia intensiva «Solo i macchinari lo tengono in vita»
«Qualche anno fa si è sottoposto a un trapianto di fegato ma poi ha ripreso a bere»
Protagonisti. Tiene banco l’invenzione del giallorosso Molti big del passato gli stringono idealmente la mano

Londra. George Best è in condizioni stabili e sta combattendo per la sua vita. E’ questo il contenuto dell’ultimo bollettino medico dell’ospedale londinese di Cromwell, dove l’ex fuoriclasse del Manchester United è ricoverato da circa un mese a causa dei noti problemi al fegato. Best resta in terapia intensiva, e i medici hanno detto che stanno facendo «tutto il possibile». A dare l’allarme, è stata l’ex moglie Alex, annunciando che l’ex calciatore nordirlandese era in pericolo di vita a causa di una emorragia interna. I danni dell’alcolismo avevano costretto Best a sottoporsi tre anni fa a un trapianto di fegato che gli salvò la vita, ma in seguito riprese a bere, causando anche le proteste delle famiglie dei pazienti in attesa dell’intervento.
Il professore del Cromwell Hospital di Londra Roger Williams, che ha in cura George Best, ha dichiarato che il suo assistito è «pienamente cosciente» della situazione anche se respira con l’aiuto dei macchinari. «E’ aiutato dal respiratore, ma potremmo anche toglierlo - ha detto Williams - ma Best non era di buon umore. Era depresso ma sta combattendo e lo farà fino alla fine. Speriamo di poter controllare l’emorragia. Stiamo cercando l’origine ma fino ad ora non ci siamo riusciti».
Phil Hughes, l’agente di Best aveva detto che l’ex giocatore del Manchester United non è cosciente: «Non era di buon umore prima che lo facessero cadere in coma». La scorsa notte le condizioni di Best sono peggiorate per un’emorragia interna. Poi le sue condizioni si sono stabilizzate pur rimanendo però gravi, tali da considerare in pericolo la vita dell’inglese. E tutto il mondo del calcio è in ansia per il fuoriclasse che ha segnato un’epoca del Manchester. Era la squadra di Bobby Charlton, Nobby Stiles, era il simbolo di un calcio che adesso terribilmente manca. Forza George!

 

 

LA PROVINCIA DI CREMONA
Torino, apre il Salone del vino Ma il rilancio è ancora lontano

 

TORINO — Si è aperto all’insegna del cauto ottimismo il 5° Salone del vino, al Lingotto di Torino, il primo da quando la rassegna si è trasformata da annuale a biennale. I consumi non decollano, ma si allarga la base delle famiglie che lo portano in tavola. Per avere nuova linfa, il Salone punta sui vini autoctoni, una ricchezza dell’ enologia italiana non ancora sfruttata appieno: le 1.200 aziende presenti al Lingotto, offriranno in degustazione 550 etichette. Il Salone chiude domenica.

 

 

 

TELEFONINO.NET

 

Grande popolarità in corea per gli LG con rilevatore di alcool

 

Secondo quanto riportato da alcuni media, in Corea del Sud i cellulari LG-SD410, LG-KP4100 e LG-LP4100 hanno riscontrato un grande successo con circa 1500 apparecchi venduti ogni giorno, dal lancio avvenuto quattro mesi fa.
La particolarità di questi apparecchi, oltre a richiamare nell’estetica un’auto sportiva, è quella di incorporare un sensore di rilevamento del tasso alcolico del sangue.
Per utilizzarlo basta aprire il telefono e soffiare sul sensore per vedere se il proprio tasso alcoolico è abbastanza basso, ad esempio, per guidare.



 

 

 

 

Venerdì, 28 Ottobre 2005
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK