Sabato 14 Dicembre 2019
area riservata
ASAPS.it su

Rassegna stampa Alcol e guida del 21 dicembre 2007

A cura di Alessandro Sbarbada e Roberto Argenta

WINENEWS

IN CALO IL CONSUMO DI VINO A TAVOLA, FLESSIONE FINO AL 30%. ADDIO AL DISTILLATO O AL SUPERALCOLICO. SONDAGGIO WINENEWS TRA I PRINCIPALI RISTORANTI ITALIANI IN SEGUITO ALL’ENTRATA IN VIGORE DELLA NUOVA LEGGE SUL CODICE DELLA STRADA  (*)

Roma - 20 Dicembre 2007 - Sarà lo spettro di multe salatissime o nei casi più gravi l’arresto, ma sta di fatto che le nuove norme stradali più repressive per chi guida in stato di ebbrezza (basta superare la soglia di 0,5 grammi di alcol per litro di sangue) qualche effetto, soprattutto a tavola, lo stanno ottenendo. Secondo un sondaggio, effettuato da www.winenews.it, uno dei siti di riferimento del vino italiano, sui principali ristoranti del Paese, il consumo di vino negli ultimi tempi ha segnato una flessione dal 5% al 30%, più nelle piccole località che nelle grandi città. Per non parlare poi dei distillati e dei superalcolici: “abbiamo assistito in questo caso, ed è una tendenza in atto da diverso tempo, ad un vero e proprio crollo”, spiegano Antonio Santini de “Dal Pescatore” a Canneto sull’Oglio (Mantova) e Ciccio Sultano de “Il Duomo” di Ragusa. “Se ne è perso proprio il piacere di chiederli a fine pasto”, aggiunge Moreno Cedroni de “La Madonnina del Pescatore” di Senigallia.

Da Nord a Sud, è poi un coro: tutti ormai per regolarsi ricorrono al consumo al bicchiere: l’unico modo per non incorrere nella scure della legge. “Molti nostri clienti - dice Roberto Petza del S’Apposentu di Cagliari - sono stati già fermati per controlli all’uscita del locale”. “Oggi chi si deve mettere alla guida sta più attento”, affermano da Perbellini di Isola Rizza (Verona); Luciano Zazzeri de “La Pineta” di Bibbona sottolinea come da diverso tempo il consumo di vino sia drasticamente calato: “prima in quattro ti ordinavano 2 bottiglie, oggi a malapena una”. E dal “Laite” di Sappada (Belluno) fanno sapere che ormai è una pratica consolidata che se si è a tavola in due uno non beve, così come se si è in gruppo uno beve meno o non beve per nulla per poter guidare. Ma sono molti quelli che giudicano la soglia di tolleranza estremamente esigua.

“Non condivido la normativa e soprattutto non è risolutiva - sostiene Natasha Sant’Andrea della “Tenda Rossa” di San Casciano Val di Pesa (Firenze) - il problema non è solo quanto si beve ma anche cosa si beve, invece di “censurare” tutti i tipi di alcolici occorrerebbe rivolgersi verso determinati tipi di prodotto: bere due cocktail - afferma - è diverso da gustarsi un bicchiere di vino ed ha effetti diversi”.

Qualcuno però si è già organizzato: “abbiamo avvertito gli effetti delle nuove normative solo in parte, nell’ordine del 5%, questo anche perchè - sottolinea Luca Vissani del famoso ristorante di Baschi (Terni) - abbiamo allestito alcune camere, così i clienti che lo vogliono possono gustarsi la cena e poi soggiornare da noi e ripartire il giorno successivo in assoluta calma e tranquillità. Non dimentichiamo però - precisa - che chi viene da noi lo fa principalmente per la cucina: il vino è certo fondamentale ma da noi si viene prima per mangiare e poi per bere”.

Anche al “Don Alfonso” a Sant’Agata dei due Golfi di Alfonso Iaccarino si stanno organizzando con ulteriori suite per ospitare la numerosa clientela straniera che, però, può contare anche su una rete diffusa di taxi presenti grazie all’alta vocazione turistica della Costiera Amalfitana. Da Antonello Colonna a Labico hanno, invece, pensato già da due anni ad attivare una comoda navetta da Roma, anche se lo chef confessa: “sono provvedimenti importanti ma penalizzano molto i locali dei piccoli centri, mi costringeranno a trasferire la Porta Rossa nel centro di Roma”.

Alfredo Franz

(*) Nota: il calo dei consumi di alcolici equivale alla riduzione della velocità media, per quanto riguarda gli incidenti stradali, oppure al minor consumo di sodio, in merito ai problemi causati dall’ipertensione. Esiste una relazione matematica tra il consumo complessivo di alcolici ed il numero di problemi alcol correlati. Alla riduzione del consumo di vino, (principale causa di PAC), è sicuramente corrisposta una riduzione di problemi, sofferenze ed anche decessi attribuibili ad esso. Rimane un unico dubbio: sulla vera entità del calo dei consumi non possiamo fidarci delle dichiarazioni dei commercianti.


IL CORRIERE DELLA SERA

DIVIETI

Coprifuoco alcolico a Capodanno

La rivolta dei gestori dei locali

Stop a vino e liquori dopo le due. «Ma almeno per quella notte dateci una deroga»

MILANO, 21 dicembre 2007 - Brindisi corti: lo stop alle 2 di notte sconvolge i piani dei nottambuli, ma anche di chi a Natale e Capodanno vorrebbe festeggiare, con gli amici, in discoteca. Sarà l’anno dei catering nelle dimore private? Chi è rimasto di sasso due volte è Gherardo Guidi, patron di locali cult in Versilia: la Capannina e la Bussola di Viareggio sulla quale i malinformati hanno messo in giro voci di una improbabile chiusura a causa dei responsabili che avrebbero versato nei bicchieri dei clienti, bevande proibite dopo il «coprifuoco alcolico». «Noi chiediamo almeno una deroga per queste festività», è l’accorato appello di Guidi, da 40 anni nel mondo dei giovani che frequentano locali da ballo. «Siamo in difficoltà, nei miei ritrovi il biglietto prevede una consumazione, quindi come si fa negarla al cliente, dopo le due?». Tutti come Cenerentola? «Se serve a salvare una vita sono d’accordo, ma questa è una discriminazione. Brinderemo a coca cola».

E i guai saranno tutti per i più sfacciati che si porteranno le bottiglie, a loro rischio e pericolo. La coda lunga di un veglione o in discoteca sono segnate: rassegnatevi a sorseggiare succhi di frutta. Comunque la regola vale per tutti i giorni dell’anno: fare «cin cin» dopo il fatidico orario, diventa pericoloso. La sicurezza sulle strade va garantita e il consumo di alcolici limitato, ma sono molti i pareri dissenzienti su questo approccio legislativo di stampo «proibizionista». Le soluzioni ci sarebbero. In provincia di Rimini, per esempio, si sono organizzati pullman che accompagnano i ragazzi a casa dopo la discoteca. Giancarlo Bornigia, proprietario del Piper e del Gilda, due delle più famose discoteche di Roma, è un testimone «storico»: «Questa legge favorisce gli abusivi — afferma —. Il divieto di vendere alcolici interessa soltanto gli esercenti con licenza, mentre alle feste private si continuerà a bere come prima. Per non parlare degli ambulanti che possono vendere alcolici a tutte le ore». Ottavio Cagiano, direttore di Federvini, è drastico: «È una legge poco ponderata, nata sull’onda di emozioni dovute a tragici fatti di cronaca. A Capodanno ci sarà chi sgarra».

 Per questo molti proprietari di ristoranti, discoteche, pub sono corsi ai ripari munendosi di etilometro sistemato all’ingresso. Un palliativo. Dietro l’angolo è in arrivo il cenone, per chi guida in stato di ebbrezza sono previste multe salate. Basta superare la soglia di 0,5 grammi di alcol per litro di sangue e si rischia un’ammenda da 500 a 2.000 euro. La Fipe, la federazione dei pubblici esercizi, e il Silb, l’associazione dei locali da ballo, ha chiesto al governo di sospendere il provvedimento che vieta la vendita di alcolici dopo le 2 nella notte di Capodanno. «E non c’è da stupirsi se molti clienti trascorreranno le vacanze in Spagna con tutti i divieti che abbiamo », dichiara Lino Enrico Stoppani, presidente Fipe. Con una lettera indirizzata ai ministri competenti, Fipe e Silb si impegnano ad attuare, a loro spese, il progetto «guidatore designato»: ingresso gratuito e due consumazioni analcoliche a chi dovrà guidare. Basterà? «Cambiare o sospendere un provvedimento per una notte è sbagliato. Il provvedimento c’è e va rispettato», gela le speranze il ministro della Giustizia Clemente Mastella che di recente ha contestato i parametri sul quantitativo minimo di alcol consentito. «Se si ritiene che il provvedimento vada modificato, allarghiamo il dibattito alle varie componenti interessate, compresi i gestori di locali. Ma sospenderlo per una notte non ha senso».

Mauro Remondino


IGN

In Italia il 40 per cento degli incidenti stradali è causato dall’alcol

Etilometro, giro di vite durante le feste

A quanto apprende Ign, sono previsti 100 mila controlli entro il 31 dicembre, per un totale di 800 mila test nel 2007. E l’anno prossimo saranno due milioni. Nessuna deroga per la notte di Capodanno al divieto di vendita di alcolici dalle 2 di notte

Roma 21 dic. (Ign) - Giro di vite, durante le feste natalizie, nei controlli sulla guida in stato di ebbrezza. A quanto apprende Ign, testata on line del Gruppo Adnkronos, se nel corso del 2007 la Polizia stradale ha già effettuato 700 mila test con l’etilometro, entro il prossimo 31 dicembre il numero complessivo delle verifiche salirà a 800 mila. E nel 2008 saranno due milioni.

Nessuna deroga poi, neanche per la notte di Capodanno, al divieto di vendita di alcolici dalle 2 di notte alle 6 del mattino. A nulla sono valse le proteste dei gestori dei locali che chiedevano una sospensiva della legge, entrata in vigore il 2 ottobre scorso, almeno per la notte di san Silvestro.

Il test con l’etilometro, che consiste nel soffiare due volte, a distanza di cinque minuti, in un tubicino collegato a un apparecchio, permette di misurare la concentrazione di alcol nel sangue. Per porsi alla guida di veicoli senza incorrere in sanzioni penali, essa deve essere inferiore a 0,5 grammi per litro.

Per rendere l’idea, basti dire che 12 grammi di alcol (che comportano una concentrazione di 0,2 grammi di alcol nel sangue in una persona di circa 60 chili di peso a stomaco pieno) corrispondono in linea di massima a: 1 bicchiere classico da vino (125 ml); 1 lattina di birra (330 cc); 1 bicchierino di superalcolico (40 ml); 1 bicchiere di aperitivo (80 ml). Ma va precisato che peso, sesso ed età influenzano il metabolismo dell’alcol e possono quindi anche essere determinanti nel raggiungimento o meno del limite previsto dalla legge. In ogni caso, per superare lo 0,5 g/l basta poco. Ma la rigidità della normativa è giustificata dal fatto che a oggi – si legge nel sito internet della Polizia di Stato - il 40 per cento degli incidenti stradali in Italia è causato dall’alcol.

E con il nuovo decreto legge del 3 agosto 2007, le sanzioni sono ancora più severe: oltre alla sottrazione di 10 punti sulla patente (20 per i giovani che hanno preso la patente dopo il primo ottobre 2003 e da meno di 3 anni), le multe partono da 500 euro ma, a seconda del tasso alcolemico, possono arrivare fino a 6.000 euro. Nei casi più gravi (oltre 1,5 g/l), è anche previsto l’arresto fino a sei mesi e la sospensione della patente da uno a due anni. Quando poi una persona in stato di ebbrezza provoca un incidente stradale, le sanzioni vengono raddoppiate. Ed è comunque meglio non rifiutarsi di sottoporsi al test: altrimenti, ci si prepari a mettere mano al portafogli per pagare una multa salata (da 2.500 a 10.000 euro) e a rinunciare all’auto per qualche mese (180 giorni).


IL SECOLO XIX

21 dicembre 2007

Ubriaco e senza patente l’investitore di Albissola

La vittima, Roberto Salvaterra, 32 anni, giocava nel Santa Cecilia e lavorava nell’oreficeria Delfino

Era senza patente, al volante della sua Rover certamente in stato di ebbrezza e sotto l’effetto di sostanze stupefacenti, Alberto Chessa, il ventisettenne, ora in coma all’ospedale Santa Corona di Pietra Ligure, che ha provocato il tragico incidente avvenuto giovedì sera sull’Aurelia.

Nello schianto ha perso la vita il capitano della squadra di calcio della Santa Cecilia, Roberto Salvaterra, 32 anni, sposato e padre di un bimbo di appena due anni.

Il permesso di guida era stato ritirato a Chessa per una precedente infrazione sempre riferita alla guida sotto gli effetti di sostanze alcoliche.Questa mattina la polizia stradale di Savona ha eseguito un sopralluogo ed altri rilievi sul luogo dove è avvenuto l’urto che ha falciato la Vespa di Salvaterra.

Dalle tracce lasciate sull’asfalto e dalle testimonianze è risultato che la Rover condotta da Chessa procedeva a velocità piuttosto sostenuta.

La tragedia è avvenuta sulla via Aurelia, ad Albissola Marina, quasi all’altezza del parcheggio sul mare all’imboccatura della cittadina. In un violentissimo scontro frontale ha perso la vita un uomo che, a bordo della sua Vespa, stava rientrando a casa dopo l’allenamento di calcio. La vittima è Roberto Salvaterra, 32 anni, e giocava nel Santa Cecilia di Albisola. Nel terribile impatto è rimasto ferito in modo grave anche l’automobilista con cui la moto ha avuto lo scontro frontale, Carlo Alberto Chessa, 27 anni, di Albisola Superiore.

Il ferito è stato trasportato intubato dalla Croce verde di Albisola Superiore all’ospedale Santa Corona di Pietra Ligure, dove è stato ricoverato in prognosi riservata nel reparto di Rianimazione. L’incidente è avvenuto poco dopo le 22. Sembrava una tranquilla serata prenatalizia. La temperatura rigida aveva scoraggiato molti ad uscire di casa.


REDATTORE SOCIALE

Reggio Emilia, arriva la ’’discoteca analcolica’’

Divertirsi, ma senza rischi per se’ o per gli altri. E’ questo l’obiettivo di due iniziative per i giovani lanciate dal Comune di Reggio Emilia, in occasione de...


LA REPUBBLICA

UBRIACO RUBA AMBULANZA, "NESSUNO MI PRESTAVA SOCCORSO"

"Nessuno mi prestava soccorso. Ecco perche’ l’ho fatto": questa la singolare motivazione adotta da un anziano uomo che l’altra sera ha rubato una ambulanza dal Pronto Soccorso di Arona (Lago Maggiore) mettendosi poi a percorrere le strade della zona a tutta velocita’. Piccolo particolare, il suo tasso alcolico, decisamente oltre i limiti, non gli consentivano una guida ’sobria’. Erano le 22.30 quando ha iniziato la sua avventura conclusasi con un paio di manette attorno ai polsi. Il protagonista e’ un 70enne conosciuto in zona perche’ spesso chiede l’intervento del 118. Cosi’ ha fatto l’altra sera ma al pronto intervento hanno ritenuto non fosse il caso di accogliere la sua richiesta. A questo punto l’uomo ha decisamente perso le staffe, raggiunto il Pronto soccorso di Arona e si e’ impossessato dell’ambulanza che ha poi guidato zigzagando pericolosamente. Un passante ha deciso di chiamare il 112 e subito si sono mossi i carabinieri di Gallarate (Varese) che poco piu’ tardi hanno bloccato il veicolo. Allibiti per la singolare giustificazione, lo hanno denunciato per guida senza patente e in stato di alterazione alcolica. I guai peggiori, pero’, sono arrivati dopo una perquisizione domiciliare che ha consentito di trovare due grammi di hascish. Cosi’ e’ stato segnalato al prefetto di Varese per consumo di droga, quindi arrestato e portato nel carcere di Busto Arsizio per il furto dell’ambulanza.


LA REPUBBLICA

Ascoli Piceno

ROM UBRIACO CHE UCCISE 4 GIOVANI TORNA IN CARCERE

Marco Ahmetovic, il rom condannato a sei anni mezzo per esser stato ritenuto colpevole delle morte di quattro minorenni il 23 aprile scorso, ad Appignano del Tronto, torna in carcere. I carabinieri hanno eseguito un ordine d’arresto firmato dal giudice Falco, su richiesta del Sostituto procuratore della repubblica di Ascoli Ettore Picardi, spiccato non per la vicenda del tragico incidente stradale ma per la tentata rapina alle poste di Malignano del Tronto, avvenuta nel novembre del 2006. Ahmetovic era agli arresti domiciliari dal 17 settembre scorso, in un residence di San Benedetto del Tronto. Ultimamente aveva fatto parlare molto di se’ anche per aver accettato di fare da testimonial ad un improbabile campagna pubblicitaria di prodotti "Linearom", lanciato dal manager toscano Alessio Sundas.


AGI

PICCHIA MOGLIE E FIGLIO DI 8 ANNI, ARRESTATO DA CARABINIERI

Firenze, 20 dic. - Picchiava la moglie e il figlio di otto anni, ed era arrivato perfino a ferire la donna con un coltello e a spegnerle sul corpo una sigaretta accesa.

Arrestato dai carabinieri un pluripregiudicato 36 enne nato a Tirana ma residente da qualche anno a Montespertoli in provincia di Firenze con l’accusa di maltrattamenti in famiglia. Secondo quanto ricostruito dai militari, nel corso del 2007 l’uomo in piu’ di un’occasione si era reso responsabile di violenze e minacce, anche di morte, nei confronti dei familiari. In diverse circostanze l’albanese quando rientrava a casa dal lavoro, dopo essersi ubriacato in qualche bar, si scagliava sui propri familiari, colpendoli con calci e pugni; lanciandogli qualsiasi oggetto che gli passava tra le mani ed adducendo come pretesto qualsiasi scusa: il bambino che faceva troppo rumore mentre giocava o la televisione troppo alta, etc. Negli ultimi tempi i soprusi e gli insulti erano divenuti più frequenti e quotidiani, con una violenza fisica e morale sempre più energica. La donna ha, infine, sporto denuncia ai carabinieri che hanno potuto cosi’ attivare le indagini. L’uomo, a disposizione dell’Autorita’ giudiziaria, e’ stato trasferito nel carcere di Sollicciano.


ADNKRONOS

Natale: sport e poco alcool, i consigli per non affaticare il fegato

Roma, 21 dic. (Adnkronos Salute) - Un tris di primi piatti, carne a volontà, cotechino, zampone o cappone. Il tutto accompagnato da abbondante vino e, per finire, panettone o pandoro farciti e il brindisi con lo spumante. Ed ecco che inizia il periodo più a rischio per il nostro fegato. Durante i festeggiamenti natalizi fino a Capodanno siamo portati a eccedere nel consumo di alimenti e di bevande alcoliche. E come ogni anno gli esperti avvertono: attenzione a non esagerare, perchè il fegato, che nel tempo accumula troppi grassi, può ammalarsi e, attraverso un’infiammazione cronica, arrivare fino a gravi problemi come fibrosi o cirrosi.

Sono 58mila i casi di questa malattia registrati in Italia ogni anno e il carcinoma epatico, che spesso ne deriva, è causa di morte nel 3% della popolazione. Che fare allora? Per salvare il fegato la prevenzione è l’arma vincente. "La cosa più importante - afferma in una nota Carmela Loguercio, professore associato di Gastroenterologia alla Seconda università di Napoli - è privilegiare un’alimentazione tradizionale, basata su cibi poveri di grassi e sul consumo limitato di alcolici, dolci e zuccheri semplici, fruttosio in testa. Bene, invece, l’olio di oliva e le fibre, con pesce e verdure". Controllare la dieta non è però sufficiente e anche nel periodo delle feste bisogna ricordare di svolgere un’adeguata attività fisica.

"Vanno cambiate le abitudini troppo sedentarie - dice l’esperta - e concedersi regolarmente una passeggiata. Un recente studio ha dimostrato che 20-30 minuti di moto, tre volte a settimana, assicurano, associati a una dieta bilanciata, la normalizzazione della funzione epatica in pazienti con ’fegato grasso’o ’steatosi epatica’. Questa condizione colpisce il 30% degli adulti italiani, il 20% di bambini e adolescenti, l’80% dei diabetici. Si tratta di un disturbo da cui dipende la più o meno lenta progressione verso la cirrosi e il tumore epatico". "Per contrastare questi meccanismi, diciamo così, degenerativi e che si orientano verso la cronicità - aggiunge Loguercio - buoni risultati clinici, in particolare per la steatosi epatica, sono stati ottenuti con un integratore a base di silibina, un estratto del cardo mariano, fosfolipidi e vitamina E, in grado di agire sui meccanismi implicati nella formazione del fegato grasso e dei danni che da esso conseguono".

La parola d’ordine, dunque, è sempre la stessa. Nessun digiuno forzato, ma una scelta alimentare che prediliga pochi grassi, poco alcool, frutta e verdura. E non tralasciare la passeggiata giornaliera, magari rinunciando all’auto per lo shopping.


ANSA

IL CIOCCOLATO FA BENE? IL MITO SI ’SCIOGLIE’

ROMA - Ecco l’ennesimo mito ’sciolto’ purtroppo proprio a ridosso delle feste quando tutti ci sentiamo più giustificati di fronte ai dolci: è un’esagerazione, quando non una palese bugia, dire che il cioccolato fondente fa bene al cuore perché ricco di antiossidanti, in realtà non ne contiene poi tanti mentre è ricco di grassi e zuccheri. L’amara verità, per molti difficile da digerire, arriva da un’editoriale della rivista The Lancet che avverte: i benefici di questa calorica e grassa leccornia per il cuore, forse alimentati anche dalle aziende produttrici, potrebbero essere in realtà ininfluenti. (*)

 Infatti, anche dimenticando per un attimo che la cioccolata é comunque un attentato alla linea, il problema è un altro: il cioccolato nero farebbe bene perché ricco di flavonoidi, molecole con azione antiossidante che favoriscono la circolazione del sangue, ma secondo Lancet la tavoletta ne contiene alla fine veramente pochi.

 In realtà, avverte l’editoriale, le case produttrici tolgono i flavonoidi dal cacao durante la produzione perché questi composti danno un sapore amaro alla cioccolata. Inoltre sono veramente poche le aziende che nell’etichetta aggiungono informazioni chiare e complete anche sul contenuto in flavonoidi.

Numerosi studi hanno teso a dimostrare le virtù del fondente: uno giunto nel novero solo lo scorso mese, sulla rivista Circulation, mostrava che il fondente ricco di flavonoidi migliora la funzione delle arterie coronarie. Ma attenti all’imbroglio: molte delle barrette in vendita potrebbero non contenere affatto i flavonoidi, amari e quindi tolti perché ridurrebbero l’effetto tanto amato al palato del prodotto.

 "E anche se contenesse i preziosi flavonoidi - conclude The Lancet - il vero diavolo nel cioccolato sono grassi e calorie", che andrebbero compensati riducendo l’apporto di altri cibi. Quindi a Natale tutti perdonati, ma poi meglio ricordare il messaggio.

(*) Nota: queste considerazioni valgono anche per gli alcolici. Con due differenze sostanziali. I danni causati dagli alcolici sono enormemente maggiori. Nel nostro Paese i produttori di alcolici sono molti di più.


© asaps.it
Sabato, 22 Dicembre 2007
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK