Venerdì 23 Luglio 2021
area riservata
ASAPS.it su
Rassegna stampa 30/11/2004

Rassegna stampa del 29 novembre 2004

Rassegna stampa del 29 novembre 2004

 



Da "La Gazzetta del Mezzogiorno"del 29 novembre 2004

Incidenti stradali in aumento
Tragico fine settimana sulle strade per il mal tempo
52 morti e 934 feriti è il bilancio del fine settimana. Vittime in salita sia rispetto al precedente weekend (quando erano state 47) sia rispetto all’analogo fine settimana del 2003 (40 morti)


ROMA
E’ di 52 morti e 934 feriti il bilancio degli incidenti stradali del fine settimana. Vittime in aumento, sia rispetto al precedente weekend (quando erano state 47) sia rispetto all’analogo fine settimana del 2003 (40 morti), anche a causa del maltempo che ha caratterizzato gran parte del territorio nazionale. Dai dati di polizia stradale e carabinieri si rileva, infatti, che il 47,7% degli incidenti mortali si è verificato su fondo stradale sdrucciolevole per pioggia.
Nell’ultimo fine settimana Polizia stradale e Arma dei Carabinieri hanno impiegato 33.531 pattuglie, che hanno contestato 23.816 violazioni al Codice della strada, con 32.477 punti decurtati, 967 patenti di guida e 622 carte di circolazione ritirate.
Gli incidenti mortali con il coinvolgimento di veicoli a due ruote sono stati 8 pari al 18,1% circa del totale. Il 45,4% circa degli incidenti con esito mortale si è verificato per perdita del controllo del veicolo da parte del conducente. Il 25% circa dei sinistri mortali è avvenuto in centro abitato. Tra le 52 vittime, 21 avevano meno di 30 anni. Dei 44 incidenti mortali, 18 si sono verificati nella fascia oraria 22-06, con 24 vittime. Sul bilancio complessivo delle vittime di questo fine settimana hanno inciso negativamente sette incidenti plurimortali nei quali hanno perso la vita 15 persone. Complessivamente gli scontri sono stati 1.309, contro i 1.310 del precedente fine settimana
.

 


Da "Giornale di Calabria" del 29 novembre 2004

Rapina in banca nel Reggino: arrestati due siciliani


REGGIO CALABRIA- Due giovani sono stati arrestati dalla polizia, ed un terzo denunciato per favoreggiamento, per la rapina ai danni dello sportello Carime di Cinquefrondi, messa a segno mercoledì. Le persone finite in carcere sono Massimo Sebastiano Messina, 31 anni, di Catania, sorvegliato speciale di Ps con l’obbligo di dimora nella città etnea e Salvatore Rapisarda, 26 anni, anch’egli catanese, con pregiudizi in materia di stupefacenti. Gabriele Pasqualone, 21 anni di Polistena, invece, è stato denunciato a piede libero per favoreggiamento personale. Poco dopo le 18 di ieri, sulla statale 682, nei pressi dello svincolo per Cinquefrondi, la polizia stradale di Siderno ha fermato e controllato l’autovettura Lancia Y, condotta dal proprietario, Gabriele Pasqualone, a bordo della quale si trovavano anche i due siciliani. I poliziotti della stradale, dopo aver effettuato i controlli di rito, hanno chiesto l’intervento dei loro colleghi del commissariato di Polistena, i quali avrebbero riconosciuto in Messina e Rapisarda gli autori del colpo, con un bottino di cinquemila euro.

 


Da “Il Gazzettino”  del 29 novembre 2004

OPERAZIONE SICUREZZA
Polstrada al lavoro contro le "stragi del sabato sera"
Ritirate otto patenti, multati 68 automobilisti


Operazione sicurezza della polizia stradale di Vittorio Veneto. Nella notte tra sabato e domenica gli agenti della Polstrada hanno fatto scattare una serie di controlli per frenare il fenomeno delle "stragi del sabato sera". Tre pattuglie, per complessivi sei uomini, hanno tenuto sotto controllo le principali strade con autovelox, telelaser ed etilometro, sotto i riflettori in particolare la zona di Orsago. Il bilancio è di 68 contravvenzioni elevate. In particolare sette patenti sono state ritirate ad altrettanti automobilisti per eccesso di velocità, andavano in media a 120 orari. Una patente è stata ritirata per guida in stato di ebbrezza. Trenta le multe per aver superato i cinquanta chilometri orari in abitato, trenta le contravvenzioni elevate per le altre infrazioni al codice della strada.

 


Da “Il Secolo XIX” del 29 novembre 2004

Gidavano ubriachi a Sestri
Patente ritirata e denuncia per cinque automobilisti
Quaranta veicoli controllati dalla Polstrada


 

Sestri Levante Quaranta automobilisti con relativi veicoli controllati e un numero piuttosto alto di patenti ritirate dalla polizia stradale per guida in stato di ebbrezza. Cinque persone in tutto denunciate. Fra queste, un vero e proprio recidivo della guida pericolosa sotto gli effetti dell’alcool, già sorpreso diverse volte dalla polizia stradale per lo stesso reato.
Questo il bilancio del servizio effettuato la notte fra sabato e domenica scorse dalle sezioni della polizia stradale di Chiavari e di Genova, all’uscita del casello autostradale di Sestri Levante. Cinque pattuglie a presidio di una delle mete del divertimento per il fine settimana più battute dai giovani del Tigullio insieme a Rapallo e a Santa Margherita. Come misura per fronteggiare le stragi del sabato sera gli agenti della stradale hanno fermato e controllato decine di auto cariche di giovani e meno giovani in cerca di svago. Il "bottino"è rappresentato da cinque patenti ritirate ad altrettanti automobilisti per guida in stato di ebbrezza. Tra questi, un uomo di quarantadue anni, P. M., già denunciato già diverse volte dalle forze dell’ordine per lo stesso motivo.
Il servizio è andato avanti dalle dieci circa di sabato fino a notte inoltrata quando, di ritorno dai locali, dalle cene, dalle feste e dai ritrovi fra amici, l’ebbrezza alcoolica va per la maggiore fra i guidatori delle prime ore della domenica.
Un terzo degli incidenti stradali con esito mortale è attribuibile all’uso di sostanze alcooliche, il cinquanta per cento degli utenti della strada coinvolti in incidenti ne hanno abusato.
Oltre che con il ritiro della patente e con una multa che può arrivare a superare i 2.500 euro, la guida in stato di ebbrezza può essere punita anche con la pena agli arresti domiciliari da 20 a 45 giorni.


Martedì, 30 Novembre 2004
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK