Venerdì 14 Agosto 2020
area riservata
ASAPS.it su

Come recuperare entrate dalle auto straniere e i loro conducenti “latitanti” del codice della strada
Prenderli significherebbe incamerare centinaia di milioni di euro all’anno
L’ASAPS fa la sua proposta: basta aumenti periodici e investire sulle tecnologie
I furbi vanno presi!

di Lorenzo Borselli

C’è un tesoretto, che cresce ogni giorno di più, e che nessuno (o quasi) riesce a prendere. E dire che se riuscissimo a metterci le mani sopra, potremmo evitare di innalzare del 5,4% l’importo delle sanzioni del codice della strada, cosa che avviene ogni due anni.
Di cosa stiamo parlando? Semplice: delle multe elevate nei confronti di veicoli stranieri in transito nel nostro stato.
Moto, auto, camion, tutti con targa straniera, tutti in violazione delle norme relative alla velocità, al sorpasso, all’accesso nei centri storici, alla sosta; veicoli turistici, veicoli commerciali e anche veicoli di tanti (troppi) furbetti nostrani, noleggiati all’estero da società specializzate o intestati a prestanome, proprio per risparmiare controlli fiscali e punti patente, e furbetti stranieri, immigrati che lavorano stabilmente in Italia ma che visti i prezzi di RC e di tassa di proprietà “preferiscono” tenersi la targa d’origine.

 

> Leggi l'articolo

 

da Il Centauro n. 163

 

 

Venerdì, 22 Febbraio 2013
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK