Giovedì 17 Ottobre 2019
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi , News 08/12/2012

Gomme da neve o catene? il governo chiarisce:
“Vanno bene entrambe”

(ASAPS) Il sottosegretario Improta:

"... l’ente proprietario di una strada (ad esempio Regione, Provincia, Anas) o il concessionario autostradale possano prescrivere l’utilizzo delle catene oppure, nel caso queste non siano utilizzabili, degli pneumatici. "

Un incredibile ribaltone, un testa coda sul ghiaccio! Ma non dice già così l'articolo 6 comma 4 lettera e) del CdS??

Che bisogno c'era allora di questo emendamento?

Arriva puntuale come un orologio svizzero l'interpretazione autentica dell'emedamento. Niente gomme invernali obbligatorie per legge. Una spesa che avrebbe pesato per almeno 500-1000 euro a famiglia. La smentita arriva dal governo: ”L’emendamento parlamentare approvato al Dl Sviluppo relativo alla circolazione di automezzi in caso di rilevanti eventi nevosi non dispone assolutamente alcun obbligo di utilizzo di pneumatici da neve per la circolazione, come invece riportato da alcuni organi di stampa. L’utilizzo di catene da neve e di pneumatici da neve resta equiparato”. Insomma, non è obbligatorio acquistare costose gomme da neve ma bastano le vecchie catene.

A dirlo è il sottosegretario alle Infrastrutture e Trasporti Guido Improta chiarisce la natura dell’emendamento al Dl Sviluppo introdotto dalla maggioranza al Senato. ”La norma invece – dice Improta – apporta significative novità sul fronte della sicurezza della circolazione, chiarendo che, in condizioni eccezionali, puntualmente individuate, l’ente proprietario di una strada (ad esempio Regione, Provincia, Anas) o il concessionario autostradale possano prescrivere l’utilizzo delle catene oppure, nel caso queste non siano utilizzabili, degli pneumatici. Qualora questa prescrizione non avvenga, la responsabilità di eventuali danni e disagi sarà addebitata all’ente inadempiente. In questo modo si compie un significativo passo in avanti sul fronte della sicurezza e della mobilità e si creano le condizioni per evitare il ripetersi di episodi spiacevoli come il blocco dell’autostrada A1 di due anni fa, quando migliaia di auto rimasero incolonnate per colpa della neve e non fu possibile addebitare a nessuno la responsabilità dell’accaduto”.

Va bene, però il provvedimento è blindato e sarà approvato alla Camera così com'è con la fiducia, per cui la modifica al CdS arriverà. Come ASAPS riteniamo che il punto G) inserito nel comma 4 dell'articolo 6 del Codice ingenererà confusione ed equivoci e sarà da eliminare alla prima occasione, altro che storie.

D'altra parte se l'interpretazione data dal sottosegretario Improta è quella giusta: "... l’ente proprietario di una strada (ad esempio Regione, Provincia, Anas) o il concessionario autostradale possano prescrivere l’utilizzo delle catene oppure, nel caso queste non siano utilizzabili, degli pneumatici. ", visto che è esattamente quello che prescrive l'articolo 6 del CdS già adesso, c'è qualcunio che ci può spiegare a cosa serviva e a cosa serve quell'emendamento? Noi lo sappiamo eccome...

Questo testa coda sul problema catene e neve la dice lunga su come si legifera in Italia, inserendo in un provvedimento sulla crescita del Paese un emendamento per la crescita degli interessi di qualcuno a discapito dei cittadini. (ASAPS)


Sabato, 08 Dicembre 2012
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK