Lunedì 17 Febbraio 2020
area riservata
ASAPS.it su
Rassegna stampa 09/08/2006

RASSEGNA STAMPA DEL 8 AGOSTO 2006

Da “Il Gazzettino     del 08 agosto 2006

POLSTRADA

A 187km all’ora lungo la Statale 177

A 187 km l’ora mentre il limite era di 90. È la velocità più elevata contestata dalla Polstrada nella scorsa settimana in Fvg, ad un automobilista della provincia di Pordenone, sorpreso a San Giorgio della Richinvelda alla guida di un’Audi A6. Un automobilista isontino è stato sorpreso a Duino-Aurisina mentre procedeva sulla statale 14, su una Mercedes Clk, a 135 km/h su un limite di 50. A un cittadino serbo, a bordo di una Volkswagen Golf sull’autostrada A4 è stata contestata una velocità di 183 km/h. Le multe per eccesso di velocità sono state 347 e 40 le patenti ritirate.

 


 

Da “Il Messaggero”    del 08 agosto 2006

 

L’Isvap monitorerà un campione di 17 mila automobilisti di Roma, Milano, Napoli, Palermo e Torino
RcAuto, arriva la scatola nera
Esperimento in cinque città.
Obiettivo: meno truffe e tagli ai premi

ROMA

Parte il progetto ’Check Box’, una sorta di scatola nera per l’auto, avviato dal ministero delle Attività produttive e coordinato dall’Isvap per monitorare l’incidentalità stradale con lo scopo di contenere le tariffe rc auto. L’istituto di vigilanza per le assicurazioni ha infatti deliberato in merito all’aggiudicazione della gara europea per l’individuazione del fornitore che realizzerà il progetto. L’aggiudicataria della gara è la Meta System, che fornirà oltre 17.000 apparecchi, che verranno installati sulle autovetture di altrettanti assicurati di compagnie aderenti all’iniziativa e che saranno selezionati dall’Isvap con una specifica tecnica di campionamento. Gli assicurati che decideranno di far installare il dispositivo sul proprio veicolo, informa l’Isvap, avranno uno sconto non inferiore al 10% annuo del premio rc auto. Il progetto partirà da cinque città, Torino, Milano, Roma, Napoli e Palermo. Per il presidente di Federconsumatori, Rosario Trefiletti, la scatola nera va bene, «però non risolve il vero problema, e cioè che le compagnie assicurative devono ridurre i costi». Trefiletti ha poi osservato che le assicurazioni sono «aiutate» nel raggiungere questo obiettivo dal decreto Bersani, che prevede l’indennizzo diretto e il ricorso ad agenti plurimandatari. «Le tariffe Rc auto in Italia sono aumentate dal ’96 ad oggi del 130% e continuano a detenere - ha aggiunto Trefiletti - il triste primato di essere fra le più care del mondo».
Il progetto ’Check Box’ trae origine dal decreto del Ministero delle Attività Produttive (ora Sviluppo Economico), «emanato in attuazione della Legge Finanziaria 2001, che ha assegnato all’Isvap una quota pari a 7 milioni di euro delle risorse stanziate sul Fondo derivante dalle sanzioni amministrative irrogate dall’Autorità garante della concorrenza e del mercato da destinare ad iniziative a vantaggio dei consumatori». La regolamentazione dei rapporti tra Isvap e Ministero e le modalità di erogazione all’Isvap delle risorse destinate alla sperimentazione sono disciplinate da una Convenzione stipulata tra lo stesso ministero e l’Autorità in data 3 agosto 2005.
La rilevazione dei dati su un campione di automobilisti, avverrà nel più assoluto rispetto delle norme sulla privacy, di dati inerenti le condotte di guida e gli eventuali sinistri mediante dispositivi mobili da installare, a cura e spese del fornitore, sui veicoli dei partecipanti al progetto. La gara europea, bandita il 13 dicembre 2005, ha visto un’ampia partecipazione di imprese, sia in forma singola che in raggruppamenti temporanei. «Ciò testimonia - conclude l’Isvap - il vivo interesse del mercato per un’iniziativa che, nella prospettiva di una più ampia diffusione di queste tecnologie, comporta vantaggi per il consumatore, sia in termini di riduzione delle tariffe che di qualità del servizio».



Da “Il Messaggero”    del 08 agosto 2006

RITIRATE 16 PATENTI
CONTROLLI DELLA STRADALE, 142 INFRAZIONI AL CODICE

 

Sono stati 100 gli agenti della Polizia stradale impegnati nell’ultimo fine settimana a prevenire le cosiddette “stragi del sabato sera”. Nel corso dei controlli sono state rilevate e contestate 142 infrazioni al codice stradale, 16 le persone deferite all’autorità giudiziaria per guida in stato di ebbrezza alcolica con il conseguente ritiro della patente. Due conducenti sono stati denunciati per il reato di guida sotto l’influenza di sostanze stupefacenti. Tutti gli automobilisti controllati dalla Polstrada sono stati sottoposti alle prove qualitative al fine di accertare l’eventuale uso di sostanze alcoliche.

 


Da “Corriere Adriatico”    del 08 agosto 2006

 
Territorio al setaccio Gli agenti hanno elevato 142 contravvenzioni
Severi controlli della polizia stradale per prevenire gli incidenti
Guidavano ubriachi, 16 nei guai
Due giovani erano anche sotto l’effetto di stupefacenti
s.c.

ASCOLI

La polizia stradale di Ascoli ha effettuato nel fine settimana una serie di servizi di vigilanza sulle strade provinciali volti alla prevenzione degli incidenti. In particolare sono stati intensificati durante le ore notturne quando i giovani, dopo aver trascorso diverse ore in discoteca, fanno rientro a casa ed anche per regolare l’intenso traffico dovuto all’esodo delle vacanze.
Gli agenti hanno elevato 142 contravvenzioni ad altrettanti automobilisti che hanno commesso infrazioni al Codice della Strada.
Ma il dato più inquietante è stato che 16 conducenti sono stati deferiti all’Autorità Giudiziaria per il reato di guida in stato di ebbrezza alcolica. Quando si viene fermati per un controllo diventa automatico che si venga sottoposti alla cosiddetta prova del palloncino che dirà, attraverso le prove qualitative effettuate con il “precursore” se si è superata la soglia etilica prevista dalla legge.
Due di loro, inoltre, sono stati sorpresi anche sotto influenza di sostanze stupefacenti per cui verranno segnalati al Prefetto di Ascoli. Per tutti è scattato il ritiro della patente di guida per almeno tre mesi.
Sulla base delle disposizioni inviate ai vari comandi provinciali della Regione Marche da parte del compartimento Marche e dalle varie Prefetture, nelle prossime settimane i controlli preventivi saranno ulteriormente intensificati lungo tutte le principali arterie provinciali, in particolare nei weekend quando il traffico risulta più intenso. Il comando della Polizia Stradale di Ascoli ricorda agli automobilisti di rispettare le norme basilari per una guida sicura per se stessi ma anche per gli altri mirata ad evitare gli incidenti.
Oltre all’imprudenza e alla velocità, a causare gli incidenti è anche la guida in stato d’ebbrezza che comporta gravi sanzioni per chi viene sorpreso.


© asaps.it
Mercoledì, 09 Agosto 2006
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK