Mercoledì 11 Dicembre 2019
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 28/02/2006

CONTROLLI SU STRADA: A GENNAIO PIU’ IRREGOLARITA’, 70% GRAVI

ROMA - Aumentano i controlli su strada dei Tir ma, a gennaio, crescono anche le irregolarita’ e , soprattutto, ’’le irregolarita’ tecniche gravi’’ che arrivano a sfiorare il 70% dei casi.
E’ quanto emerge dalla newsletter mensile della Consulta generale dell’autotrasporto e della logistica, in cui vengono riportati i dati delle ultime verifiche effettuate su strada dalle pattuglie miste, composte da forze dell’ordine e da tecnici del ministero delle Infrastrutture.
Anche se solo di una decina di unita’, da 649 a 660, i veicoli verificati nel gennaio di quest’ anno sono infatti superiori a quelli dello stesso mese del 2005. Ma, rileva la stessa Consulta, ’’il confronto e’ tuttavia vistosamente negativo per quanto riguarda le irregolarita’, nettamente in aumento sia rispetto al solo gennaio sia, ma in modo meno spiccato e solo per le verifiche tecniche, rispetto all’intero 2005’’.
Le irregolarita’ amministrative (10,2%) sono il doppio di quelle del gennaio 2005 (5,4%) mentre le irregolarita’ tecniche superano nettamente la meta’ dei mezzi controllati arrivando al 54,5% dei casi, contro il 47,3% del gennaio 2005 e il 46% dell’intero anno. Preoccupazione destano anche i dati sulle irregolarita’ tecniche gravi che sfiorano il 70%, con un incremento di 10 punti rispetto al gennaio scorso e di otto rispetto al 2005.
’’Difficile individuare le ragioni di tale incremento, in parte da attribuire alla crescente esperienza delle pattuglie miste che operano sul territorio, anche se non e’ da escludere l’incidenza di una crisi di settore che finisce per scaricarsi su una ridotta attenzione alla sicurezza’’ si legge nella newsletter della Consulta dell’Autotrasporto.
Penalizzante anche l’analisi per nazionalita’ dei Tir da cui emerge che tutto il peso sulle maggiori irregolarita’ e’ dato dai veicoli italiani, per altro gia’ emerso dal bilancio di fine anno.
Nonostante i veicoli nazionali fossero stati nel 2005 solo il 75% (contro - sostiene la Consulta - una quota reale dell’82%), la percentuali di veicoli non in regola era stata del 51% contro il 43% dei veicoli stranieri.
Nei controlli di gennaio 2006, la forbice si e’ pero’ ancora allargata: le irregolarita’ dei vettori nazionali salgono al 56,6% contro il 48,5 dei comunitari e il 47,5 degli extracomunitari che, addirittura, sono i piu’ ’virtuosi’ di gennaio.
’’C’e’ da dire - si legge nel report - che questa volta la quota di veicoli nazionali rispetto al totale dei controlli e’ leggermente superiore (76,1%), avvicinandosi alla proporzione reale tra mezzi italiani e stranieri. Ed e’ evidente che piu’ cresce la quota di veicoli nazionali, piu’ il loro comportamento pesa sulle percentuali finali’’.

Da ANSA


© asaps.it
Martedì, 28 Febbraio 2006
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK