Martedì 10 Dicembre 2019
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 28/02/2006

INFRASTRUTTURE: APERTI NUOVI 11 CHILOMETRI E78 GROSSETO-FANO

(ANSA) - GROSSETO - Aperti stamani al traffico dall’ Anas 11 nuovi km della superstrada E78 Grosseto-Fano, nel tratto compreso tra Grosseto e Montorsaio. La cerimonia, informa una nota, e’ avvenuta alla presenza del consigliere di amministrazione dell’Anas Alberto Brandani, dell’assessore alle Infrastrutture della Regione Toscana Riccardo Conti e del sindaco del Comune di Grosseto Gabriele Bellettini. Il tratto inaugurato si estende dal km 0,000 al km 11,050 e rientra tra gli interventi relativi al tratto Grosseto-Siena, che ha una lunghezza complessiva di circa 63 km e i cui lavori sono stati divisi in 11 lotti, dei quali il 2/o (Montorsaio-Paganico), il 10/o (Bagnaia-S. Rocco a Pilli) e l’11/o (S. Rocco a Pilli-Siena) sono in fase di realizzazione, per complessivi 20 km e per investimenti pari a 97,3 milioni di euro, mentre per il 3 lotto, per il quale e’ stata gia’ individuata l’impresa esecutrice, e’ in corso la verifica del progetto esecutivo. E’ stata completata la progettazione definitiva dei rimanenti 32,9 km, per i quali sono previsti investimenti pari a oltre 454 milioni di euro. Attualmente sull’itinerario E78, lungo complessivamente 270 km, e’ gia’ in esercizio un primo tratto di 82 km (pari al 30% circa dell’intero percorso); sono in fase di realizzazione o di appalto lavori su 71 km (pari al 27% del percorso); 76 km sono oggetto di progettazione definitiva e 41 km sono oggetto di progettazione preliminare. Il completamento dell’opera (inserita fra le infrastrutture strategiche individuate dalla delibera CIPE n. 121 del 21/12/2001 ’Legge Obiettivo’) consentira’ di collegare la Statale 1 ’’Aurelia’’ all’autostrada A14, collegando le citta’ di Grosseto, Siena, Arezzo, Sansepolcro, Urbino, Fossombrone e Fano, lungo un percorso che si sviluppera’ per circa il 65% in Toscana, il 5% in Umbria e il 30% nelle Marche e che consentira’ il collegamento trasversale tra la costa tirrenica e quella adriatica.(ANSA).

© asaps.it
Martedì, 28 Febbraio 2006
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK