Sabato 14 Dicembre 2019
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 24/02/2006

LE SENTENZE DEI GIUDICI DI PACE DIVENTANO APPELLABILI DAVANTI AL TRIBUNALE. IL SISTEMA DI VERIFICA DEI GIUDIZI DI PRIMO GRADO DIVENTA PIU’ PRATICO, PIU’ AGEVOLE E POSSIBILE.

TROPPO E STRANO IL SILENZIO DEI MEDIA INTORNO ALL’IMPORTANTE NOVITA’.
La novità relativa alla modifica dell’articolo 23 della legge 24 novembre 1981, n. 689 è arrivata silenziosa con il Decreto Legislativo 2 febbraio 2006 nr.40, quasi ci sia un certo pudore a parlarne. No, parliamone, sinteticamente, ma parliamone.
Che in materia di giudizi davanti ai Giudici di pace, le cose non abbiano sempre funzionato bene, lo dicono i fatti. Noi stessi come associazione abbiamo raccolto numerose "perle" di sentenze e ovviamente siamo più volte intervenuti nelle sedi competenti. Se col tempo ai GdP è stata tolta la competenza per giudicare sulla guida in stato di ebbrezza e se oggi, da ultimo, con una apposita modifica di legge si è reso possibile il ricorso in Tribunale avverso alle loro sentenze, ci sarà stato un motivo. E’ vero non c’è stato molto rumore sulla notizia dell’imminente modifica all’art. 23 della legge 689/1981, anzi è passata quasi inosservata sugli organi di informazione. E’ chiaro a tutti che la riforma introdotta dal recente Dlgs 40/2006 segna una svolta a dir poco rivoluzionaria anche nei rapporti tra la Pubblica Amministrazione e la magistratura non togata. Dal 2 marzo 2006 non sarà più necessario ricorrere in Cassazione contro le sentenze spesso discutibili dei Giudici di pace. Si potrà proporre appello direttamente al Tribunale. Ora ci sarà finalmente un termometro per la verifica il monitoraggio dell’operato dei Giudici di pace da parte dei colleghi togati, giudici di carriera che potranno recuperare il giusto profilo di applicazione della norma, che in più occasioni è apparso a molti fin troppo svilito da numerose sentenze a dir poco approssimative e addirittura innovative in modo molto "originale" del diritto da parte dei giudici onorari. Verrebbe da dire una battuta del tipo "la ricreazione è finita", ma saremmo ingenerosi nei confronti dei tanti Giudici di pace che comunque hanno svolto bene il loro lavoro, senza confonderlo col ruolo di assistenti sociali, come altri hanno invece fatto. Recentemente in molti casi gli atteggiamenti in sede di giudizio erano oggettivamente cambiati, apparendo più professionali ed equi. Ora la P.A. avrà l’oppurtunità di vedere validati i giudizi dei GdP con un sistema di ricorso più agevole, più pratico e più praticabile. Rimane da risolvere il dispendio di energie con presenze numerose di operatori di polizia per la discussione dei procedimenti. Operatori che in molti casi, sotto il tiro incrociato dei difensori spesso sostenuti dai GdP, si sentono più imputati che testi. Non sarebbe da scartare l’idea di una sorta di avvocatura amministrativa dello Stato e delle Amministrazioni locali deputata a seguire puntigliosamente e in modo molto professionale i procedimenti in tutto il loro evolversi.
La situazione non poteva durare, oggi si è girata una pagina importante. Qualche modifica ulteriore rimane ancora da fare. Adesso siamo però più fiduciosi.

Giordano Biserni
Presidente Asaps



DECRETO LEGISLATIVO 2 febbraio 2006, n.40
G.U. n. 38 del 15 febbraio 2006
 
Art. 26
 
 1. All’articolo 23 della legge 24 novembre 1981, n. 689, sono apportate le seguenti modificazioni:
 
 a)  al quinto comma, le parole: «ricorribile per cassazione» sono sostituite dalla  seguente: «appellabile»;
 b)  l’ultimo comma e’ abrogato.







© asaps.it
Venerdì, 24 Febbraio 2006
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK