Giovedì 26 Novembre 2020
area riservata
ASAPS.it su
Cassazione: per accertare il reato di disturbo del riposo e delle occupazioni non servono accertamenti tecnici né denunce, basta la testimonianza dell'ufficiale del sequestro
La Cassazione con la sentenza n. 2685/2020 ha chiarito che per ritenere integrato il reato di disturbo del riposo e delle occupazioni delle persone non occorre che il rumore sia rilevato con specifica strumentazione tecnica. Trattandosi di un reato di pericolo infatti non è necessario accertare che il rumore abbia disturbato effettivamente pi&ugrav...
Condividi
28/Gennaio/2020
Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK
Archiviata l’inchiesta su 49 ragazzi della Valle Scrivia. Il giudice: «Nessuna alterazione del servizio e nessun vilipendio, la chat non era pubblica»
Avevano formato un gruppo WhatsApp con un centinaio di iscritti che venivano avvertiti sui posti di blocco sulle strade della Valle Scrivia. E in più condivano gli avvisi con insulti contro carabinieri e poliziotti. Denunciati...
Condividi
Il fenomeno è frequente forse perché si è ignari del rilievo penale che assume o potrebbe assumere tale comportamento che blocca o impedisce l’accesso non solo nei cortili ma anche ai garage e così via
Rifiutarsi di spostare la propria auto che impedisce alle altre auto di accedere nel cortile comune costituisce violenza privata. Il fenomeno è ricorrente forse perché si è ignari del rilievo penale che assume o ...
Condividi
Per la Cassazione, impedire la libertà di movimento di un utente della strada costituisce reato di violenza privata punito dall'art. 610 c.p.
Rischia la condanna per violenza privata colui che tenta di bloccare la marcia di un veicolo con il proprio corpo così impedendo la libertà di movimento di chi è alla guida. Irrilevante la circostanza che il "bl...
Condividi
Soluzione per «bypassare» la procedibilità d’ufficio per gli incidenti lievi
Mentre si attende che la Corte costituzionale completi i suoi giudizi sulla procedibilità d’ufficio del reato di lesioni stradali, il Tribunale di Milano indica una strada alternativa: la non punibilità del fatto. Un ...
Condividi
Pagine: 1