Domenica 01 Agosto 2021
area riservata
ASAPS.it su
(Cass. Civ., sez. II, 02 settembre 2015, n. 17440)
L’attività di videosorveglianza, pure nell’ipotesi in cui sia svolta in assenza di registrazione, comporta la raccolta ed il trattamento dell’immagine di una persona, che ricade sotto la definizione di “dato personale”. Pertanto, sui negozianti che intendano usufruire di sistemi di videosorveglianza, ricade l’one...
Condividi
30/Ottobre/2015
Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK
(Cass. Pen., sez. IV, 27 maggio 2014, n. 21574)
Il giudice, che applichi con la sentenza di patteggiamento la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida, non deve fornire una motivazione sul punto allorché la misura si attesti non oltre la media...
Condividi
(Cass. Pen., sez. VI, 13 ottobre 2014, n. 42752)
La condotta di chi circola abusivamente con il veicolo sottoposto a sequestro amministrativo, ai sensi dell'art. 213 cod. strada, integra esclusivamente l'illecito amministrativo previsto dal quarto comma dello stesso articolo e ...
Condividi
(Cass. Civ., sez. III, 22 ottobre 2014, n. 22330)
L’ente proprietario di una strada aperta al pubblico transito, benché non abbia la custodia dei fondi privati che la fi ancheggiano e, quindi, non sia tenuta alla loro manutenzione, ha l'obbligo di vigilare affinch&eacut...
Condividi
(Cass. Civ., sez. II, del 12 novembre 2014, n. 24111)
Il provvedimento di sospensione della patente di guida, adottato ex art. 223 cod. strada in ipotesi di reato, ha carattere preventivo e funzione cautelare, sicché la sua legittimità va verificata con riferimento alla situaz...
Condividi
(Cass. Civ., sez. III, 20 ottobre 2014, n. 22238)
La circostanza che il conducente di un veicolo coinvolto in un sinistro stradale avesse, al momento del fatto, un tasso alcolemico superiore a quello massimo consentito dalla legge costituisce una presunzione “iuris tantum” d...
Condividi
27/10/2015 Corte di Cassazione
La comunicazione effettuata presso il difensore di fiducia anziché presso il domicilio dell'imputata non è di per sé inidonea ad assolvere le proprie funzioni
Con la sentenza numero 41815 depositata il 19 ottobre 2015 (qui sotto allegata) la Corte di Cassazione è tornata a pronunciarsi in materia di irregolarità della notifica. In particolare i giudici, in conformità a...
Condividi
27/10/2015 Giurisprudenza , Articoli
LA FORMA DEL PIGNORAMENTO DI AUTOVEICOLI, MOTOVEICOLI E RIMORCHI L’articolo 19, comma 2, del Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 132, convertito con modificazioni nella Legge 10 novembre 2014, n. 162, recante “Misure urge...
Condividi
26/10/2015 Corte di Cassazione
Per la Cassazione parcellizzare la domanda in due distinte cause è abuso del diritto
Avvocati e danneggiati: attenzione! La Cassazione ha recentemente ricordato che per il risarcimento dei danni subiti sia alle cose che alla persona a seguito di un unico fatto illecito non è possibile proporre due distinte azioni....
Condividi
(Cas. Pen., sez. V, 6 agosto 2015, n. 34406)
La Suprema Corte, sez. V Penale, con sentenza del 8 giugno - 6 agosto 2015, n. 34406 affronta uno dei tanti casi di diffamazione realizzati a mezzo Internet dimostrando una particolare fiducia nei moderni mezzi di accertamento del reato ...
Condividi
(Tar Emilia Romagna, sez. I, n. 873 del 12 ottobre 2015)
  Giurisprudenza di merito T.A.R. EMILIA-ROMAGNA Sez. I, 12 ottobre 2015, n. 873 Circolazione stradale – Accertamento delle violazioni a remoto – Installazione dei dispositivi automatici di accertamento d...
Condividi
(Cass. pen., sez. IV, 29 maggio 2014, n. 22241)
Ai fini della configurazione del reato di guida in stato di ebbrezza, in tutte le ipotesi previste dall’art. 186 cod. strada, lo stato di alterazione alcolica può essere accertata con qualsiasi mezzo e, quindi, anche su base...
Condividi
(Cass. Pen., sez. IV, 25 marzo 2014, n. 13999)
L’omesso avviso all'indagato della facoltà di farsi assistere dal difensore durante il test alcolimetrico svolto dalla  P.G. determina una nullità “intermedia” sanabile, se non dedotta prima ovver...
Condividi
La Cassazione precisa che in forza del contratto, l'unico responsabile è il rivenditore che potrà liberarsi anche con presunzioni che dimostrino la consegna di un bene conforme
L'acquirente, il cui bene abbia un difetto di conformità, deve rivolgersi al rivenditore che è l'unico soggetto responsabile (in forza del contratto) nei suoi confronti, a prescindere dal fatto che il difetto dipend...
Condividi
La Cassazione afferma che il codice civile pone una presunzione di corresponsabilità a carico dei veicoli coinvolti nell'incidente
È in colpa il conducente che, nell'approssimarsi ad un crocevia, lo impegna nonostante preveda o possa prevedere l'approssimarsi dalla propria destra di un veicolo marciante contromano e ad elevata velocità. Ne...
Condividi
Per la Cassazione non si tratta di un danno in re ipsa, ma è necessaria prova concreta della perdita subita o delle spese sostenute
Il danno da fermo tecnico non è in re ipsa poiché l'indisponibilità di un autoveicolo durante il tempo necessario per le riparazioni è un danno che deve essere allegato e dimostrato. La prova del danno non...
Condividi
Per la Cassazione, anche se il tasso alcolemico è superiore di soli 6 centesimi, il reato è quello previsto dall'art. 186 lett. c)
di Lucia Izzo - In tema di guida in stato di ebbrezza, ai fini del superamento delle soglie di punibilità stabilite dall'art. 186, comma secondo, lett. a), b) e c), del codice della strada, assumono rilievo anche i valori cent...
Condividi
L'ha sentenziato una giudice del Tribunale civile. Una 43enne riportò ferite lievi, ma viene certificato che fa una professione a tutti gli effetti
Anche una casalinga che non ha subito lesioni gravi ha diritto a un equo risarcimento del danno patrimoniale, quello da mancato guadagno. E' questo il principio più interessante affermato dal giudice Marta Cappelluti, della...
Condividi
a cura di Franco Corvino
    >Giurisprudenza da il Centauro n. 187
Condividi
07/10/2015 Corte di Cassazione
(Cass. Pen., sez. IV, 4 agosto 2015, n. 34090)
Il principio di diritto enunciato dalla Cassazione penale, nella sentenza n. 34090/2015, si compendia nella massima: “in tema di guida sotto l'influenza dell'alcool (art. 186 C.d.S., comma 2, lett. b)), ai fini della sostit...
Condividi
Pagine: 1 2