Giovedì 28 Ottobre 2021
area riservata
ASAPS.it su
Guida alle insidie stradali e alla responsabilità della PA. Quando si ha diritto al risarcimento del danno. La responsabilità ex art. 2043 c.c. e la responsabilità del custode ex art. 2051 c.c.
Una buca sul manto stradale, una macchia d'olio, un dissesto in un marciapiede, sono tanti i possibili pericoli a cui l'utente della strada può andare in contro. Se si verifica un incidente è però possibile, se sussistono determinate condizioni, ottenere il risarcimento del danno... >Continua a leggere su studiocataldi....
Condividi
28/Ottobre/2021
Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK
Per la Cassazione, il rifiuto di sottoporsi all'alcoltest non integra necessariamente un reato. Il rifiuto è legittimo se non emergono elementi di pericolo
Rifiutare di sottoporsi ad alcoltest non integra necessariamente reato. E' quanto emerge dalla sentenza n. 36548/2021 della Cassazione. La vicenda Nella vicenda, il ricorrente, non avendo rispettato un semaforo rosso, veniva...
Condividi
Il tribunale di Napoli conferma la responsabilità della Pubblica Amministrazione per i danni cagionati da un tombino mal posizionato sulla strada sottoposta alla sua custodia
In data 22 luglio 2021 il Tribunale Ordinario di Napoli, II Sezione Civile - così come già affermato dal Tribunale di Teramo, nella Sentenza 25 maggio 2021 n. 524 in una fattispecie analoga - ha ribadito che la responsabilità della Pubbl...
Condividi
Secondo la Cassazionea rimediare non può essereil Giudice dell’esecuzione. La misura è amministrativa. Inoltre il decreto penale non può essere modificato
Il Giudice dell’esecuzione non può disporre la revoca della patente se il gip ha omesso di irrogarla col decreto penale di condanna. Lo precisa la Cassazione (sentenza 34861 del 20 settembre), su un caso di guida in stato di ebbrezza con...
Condividi
Il Giudice di Pace di Arezzo disapplica, per contrasto con la normativa europea, la norma interna che considera i dati del tachigrafo fonte di prova per l'eccesso di velocità
Le registrazioni del cronotachigrafo non sono utilizzabili per elevare sanzioni per eccesso di velocità. La norma del nostro Codice della Strada contrasta con la normativa europea e, non avendo il legislatore italiano provveduto a...
Condividi
Le Sezioni Unite della Cassazione Civile confermano che la circolazione di un veicolo, utilizzato in modo conforme alla sua funzione abituale, è assicurato, anche, in spazi privati
Le Sezioni Unite della Cassazione sull'RC Auto Le Sezioni Unite della Cassazione Civile con sentenza n. 21983/2021 si sono espresse sull'interpretazione dell'art. 122 Cod. ass., in conformità con la giurisprudenza...
Condividi
Il proprietario del veicolo danneggiato non ha diritto al risarcimento per il sinistro stradale se il modello di constatazione amichevole di incidente non descrive la dinamica del sinistro. Né è sufficiente la confessione d...
Condividi
Per la Cassazione, quando un soggetto commette il reato di possesso e fabbricazione di un documento d'identità falso lo stesso deve essere confiscato e distrutto
Con la sentenza n. 19925/2021 la Corte di Cassazione precisa che quando un soggetto commette il reato di possesso e fabbricazione di documenti d'identificazione falsi, la falsità del documento deve essere dichiarata nella sent...
Condividi
Per la Cassazione se la sosta a pagamento si protrae oltre l'orario per il quale è stata corrisposta la tariffa si realizza un illecito amministrativo, trattandosi di evasione tariffaria
Il conducente che tiene il mezzo parcheggiato in zona a pagamento oltre il tempo previsto dal ticket commette un illecito amministrativo sanzionato all'art. 7, comma 15, del C.d.S. trattandosi di una evasione tariffaria in violazione...
Condividi
Accolto il ricorso cautelare di un agente locale a cui è stato revocato lo status di P.S. Per il Tar si tratta di revoca ingiustificata
Il Tar di Brescia con l'ordinanza n. 92/2021 (sotto allegata) accoglie la domanda cautelare avanzata da un agente della polizia locale, disponendo la sospensione dell'esecuzione del provvedimento con cui il Prefetto ha disposto n...
Condividi
Per la Cassazione, il conducente è esente da colpa solo se il pedone tiene una condotta imprevedibile e inevitabile, non rileva il rispetto dei limiti di velocità
Quando si verifica un sinistro stradale che vede coinvolto un conducente e un pedone, non rileva che il primo rispetti i limiti di velocità per andare esente da colpa. E' infatti compito del conducente porre sempre attenzione ...
Condividi
Ricorda la Cassazione che per comunicare i dati del conducente non si deve attendere la conclusione del procedimento di opposizione al verbale della violazione presupposta... >Continua a leggere su studiocataldi.it di Annam...
Condividi
I raggi negli occhi non sono una buona scusa per ritenersi senza colpa
Sta per esplodere l’estate e quindi è bene rammentare un principio: conducente abbagliato dal Sole? Responsabile del sinistro con lesioni fisiche per la vittima (un motociclista). I raggi negli occhi non sono una buona scusa...
Condividi
Il GIP di Modena: rallentare la corsa o schiacciare altra automobile verso il guardrail è tentativo di violenza privata
Purtroppo la criminalità stradale assume connotati multiformi, con il verificarsi di fattispecie di reato comuni commesse attraverso l'utilizzo dei veicoli, definiti e disciplinati dal codice della strada, quali mezzi e/o stru...
Condividi
Per gli Ermellini, la PA non è responsabile se il motociclista cade subito dopo che il furgone dell'immondizia ha perso del liquido, perché non ha il tempo di pulire
La pubblica amministrazione è libera dalla responsabilità per danni da cose in custodia, così come contemplata dall'art. art. 2051 c.c., in relazione ai beni demaniali, se fornisce la prova liberatoria che l'...
Condividi
Annullate dal Giudice di Pace di Ivrea le sanzioni per due conducenti multati per passaggio col rosso, stante la mancanza di delibera del Comune di autorizzazione all'installazione dell'impianto
Qualora l'ente titolare della strada abbia deciso di posizionare un apparecchio automatico che rileva il passaggio con il rosso al semaforo, sarà necessaria una delibera preventiva con cui venga formalmente autorizzata la sua ...
Condividi
La Cassazione ribadisce che anche il pedone che attraversa fuori dalle strisce pedonali e non controlla il semaforo è responsabile del sinistro
La Corte di Cassazione con l'ordinanza n. 6514/2021 torna a occuparsi del concorso di colpa del pedone e ribadisce che anche questo utente della strada è tenuto a prestare attenzione nel momento in cui deve attraversare la str...
Condividi
Per la Cassazione, la lesione al naso riportata dal passeggero che si sporge dal finestrino per aiutare il conducente a compiere una manovra è anche colpa sua, ha violato il codice della strada
Per la Cassazione, come chiarito nell'ordinanza n. 4789/2021 è corretto riconoscere il concorso di colpa al soggetto trasportato, che si sporge dal finestrino per aiutare il conducente a fare manovra. La lesione al naso cagion...
Condividi
Per il Giudice di Pace di Trebisacce è ammissibile una motivazione per relationem, ma non è sufficiente un mero rinvio. Le controdeduzioni dell'organo accertatore non assumono valenza di atto pubblico
L'ordinanza-ingiunzione prefettizia va annullata qualora emerga una mancanza assoluta di motivazione stante l'illegittimità per carenza del fondamentale requisito previsto dall'art. 3 della legge n. 241/1990, a cui si ...
Condividi
La soluzione è stata fornita dal Tribunale di Torino che ha condannato il conduttore al risarcimento del danno per negligenza
L'articolo 1587 del Codice Civile stabilisce le obbligazioni principali del conduttore di un bene immobile. Tale norma si applica anche in caso di locazione di automobili (c.d. leasing). Tra le obbligazioni vi rientra quella di servi...
Condividi
Pagine: 1 2