Sabato 26 Settembre 2020
area riservata
ASAPS.it su
Per la Cassazione il ferimento dell'animale da affezione non può qualificarsi come pregiudizio esistenziale per la lesione di un interesse del soggetto
Non spetta il risarcimento del danno non patrimoniale al proprietario del cane che ha riportato delle ferite a causa dell'investimento di un auto. Il ferimento dell'animale, infatti, non può qualificarsi come danno esistenziale legato alla lesione di un interesse del soggetto a conservare una sfera di integrità affettiva tutelata dal...
Condividi
31/Ottobre/2018
Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK
Il fatto si può delineare a carico di un autotrasportatore cittadino ungherese, il quale esercitava la propria attività professionale alle dipendenza di una Ditta italiana. Il medesimo era in possesso di regolare Carta di...
Condividi
Chi fuma in auto è multato ma soltanto a determinate condizioni. Vediamo quando opera il divieto e quali sono le sanzioni per chi trasgredisce
La normativa italiana che disciplina il fumo in auto, nonostante la volontà di recepire e rispettare le indicazioni provenienti dalla Comunità Europea, a tutela della salute dei cittadini appare ancora scarna... >Con...
Condividi
La mancata produzione degli atti in possesso della P.A. rappresenta un giudizio decisivo che suffraga positivamente le ragioni dell'opponente
 Se la Prefettura non si costituisce nel giudizio dinanzi al Giudice di pace instaurato per l'impugnazione dell'ordinanza ingiunzione che ha chiuso il procedimento amministrativo instaurato per contestare una multa, il giudi...
Condividi
Avv. Sergio Vergottini
Questa la vicenda. Il Tribunale di X, con la sentenza, ha applicato a TIZIO, ai sensi dell’art. 444 cod. proc. Pen. (ossia a seguito di “patteggiamento”), la pena condizionalmente sospesa, di mesi dieci e giorni venti d...
Condividi
La Cassazione rammenta che non è stabilita una distanza minima tra segnale e luogo di rilevamento. La distanza va valutata in relazione allo stato dei luoghi e alla visibilità dei conducenti
Valida la multa per eccesso di velocità anche se il segnale che avvisa della presenza dell'autovelox è posto a 400 metri dall'apparecchio. Infatti, non è stabilita una distanza minima che deve sussistere tra ...
Condividi
(Cass. Pen, sez. IV, sentenza 26 settembre 2018, n. 41907)
Pronunciandosi su un ricorso proposto avverso la sentenza con cui la Corte d’appello aveva confermato la sentenza di condanna per il reato di guida in stato di ebbrezza (tasso alcolemico 1,44 g/l), la Corte di Cassazione (sentenza ...
Condividi
E se la cartella non è stata correttamente notificata, la conoscenza dell'estratto di ruolo mediante accesso telematico è il primo atto successivo valido ai fini dell'interruzione della prescrizione
Con la sentenza numero 23035/2018, il Giudice di pace di Roma ha chiarito alcuni aspetti importanti dell'impugnazione delle cartelle per mancato pagamento di sanzioni amministrative... >Contonia a leggere su studiocataldi.it ...
Condividi
La relazione che esiste tra il momento che definisce il procedimento penale e l'avvio del procedimento disciplinare
Per chi appartiene ai ruoli dell'Amministrazione della pubblica sicurezza e si trova a dover gestire un procedimento penale, il successivo procedimento disciplinare può essere validamente avviato solo e soltanto se si rispetta...
Condividi
Per la Cassazione, nonostante il guidatore abbia la colpa maggiore nella causazione del sinistro, l'ente proprietario avrebbe dovuto conservare l'infrastruttura in sicurezza
Corretto riconoscere il risarcimento ai familiari della vittima deceduta a causa del sinistro stradale, dopo essere caduta in un burrone. Nonostante la "preponderante" responsabilità del guidatore nella causazione dell...
Condividi
Nulla la multa in assenza di prova sull'effettiva collocazione dei cartelli e il rispetto degli intervalli spaziali o omessa indicazione a verbale della taratura periodica dell'apparecchio
In materia di sanzioni amministrative per violazione del codice della strada non è necessario che, nel verbale di contestazione del superamento dei limiti di velocità accertata con apparecchiature elettroniche "autovel...
Condividi
La particolarità del requisito dell'assenza dell'offeso e l'importanza dell'indirizzo IP nel quadro probatorio relativo alla fattispecie del reato ex art. 595 del codice penale
Con riferimento alla fattispecie del reato di diffamazione, sembra doveroso ricordare che l'art. 595 c.p. è un reato comune di pericolo che si verifica con la comunicazione dell'offesa a più persone; quando la comun...
Condividi
Le Sezioni Unite della Cassazione risolvono il contrasto sull'esatta configurabilità del reato ascrivibile nel caso di resistenza a più pubblici ufficiali
Con la sentenza n. 40981/2018, le Sezioni Unite della Corte di Cassazione, le cui motivazioni sono state depositate il 24.9.2018, hanno sopito un antico dibattito circa l'esatta configurabilità del reato ascrivibile al reo nel...
Condividi
Nonostante l'interpretazione della Corte di giustizia Ue, in Italia sono ancora vigenti l'art. 122 c.d.a. e l'art. 193 c.d.s. che impongono l'obbligo di assicurazione solo su strade di uso pubblico o aree equiparate
A inizio settembre, la Corte di giustizia dell'Unione Europea ha emanato una sentenza che ha fatto subito discutere. In essa si sanciva, infatti, che i veicoli devono essere assicurati per la responsabilità civile anche quando...
Condividi
Nel valutare la tenuità del reato di rapina si devono considerare sia l'entità della somma sottratta che i danni morali riportati dalla vittima
Con la sentenza n. 38982/2018 la Cassazione ribadisce che, nel valutare se al reato di rapina si possa applicare l'attenuante della tenuità, è necessario considerare l'entità del danno economico e morale arre...
Condividi
ROMA - Sul tema sempre caldo degli autovelox arriva una bacchettata dalla Cassazione. Ad avviso degli “ermellini”, nel nulla osta al posizionamento dell'occhio elettronico deve essere specificato se l'installazione ri...
Condividi
Anche il Giudice di Pace di Alessandria conferma il consolidando orientamento giurisprudenziale sul termine per la notifica della multa
La Polizia stradale aveva elevato un verbale di contestazione per eccesso di velocità sull'autostrada A26 ad un automobilista ben oltre due mesi dal giorno della presunta infrazione al codice della strada, con il classico meto...
Condividi
Pagine: 1