Giovedì 06 Agosto 2020
area riservata
ASAPS.it su
(Cass. Civ., Sez. I, 5 luglio 2006)
Nel procedimento di opposizione ad ordinanza-ingiunzione, il termine di dieci giorni prima dell'udienza di comparizione, fissato dall’art. 23, comma secondo, della legge 24 novembre 1981, n. 689 per il deposito da parte dell’amministrazione dei documenti relativi all'infrazione e alla sua contestazione, non ha natura perentoria, mancan...
Condividi
05/Luglio/2006
Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK
L’esposizione in un veicolo del contrassegno relativo all’assicurazione obbligatoria che non sia leggibile integra la violazione dell’art. 181 codice della strada, equivalendo alla sua omessa esposizione, no...
Condividi
I risultati del prelievo ematico effettuato per le terapie di pronto soccorso successive ad incidente stradale, e non preordinato a fini di prova della responsabilità penale, sono utilizzabili per l’accertam...
Condividi
Il provvedimento con il quale il Ministero dei trasporti – Motorizzazione civile – comunica agli organi di polizia che il titolare della patente di guida, nei cui confronti, ai sensi dell’art. 128, primo com...
Condividi
Non sussiste la presunzione di eguale concorso di colpa dei conducenti in caso di collisione di una moto, procedente a velocità elevata, malgrado il fondo stradale scivoloso e la presenza di nebbia, con la ...
Condividi
In tema di sanzioni amministrative per violazioni del codice della strada, nel caso in cui venga proposta opposizione avverso il verbale di contestazione elevato dalla polizia stradale, la legittimazione...
Condividi
Integra il reato di violenza privata la condotta di chi, avendo parcheggiato irregolarmente il proprio veicolo in un’area condominiale alla quale non aveva diritto di accedere, impedisce ad altri di uscire c...
Condividi
(Cass. Pen., Sez. IV, 16 febbraio 2006, n. 6014)
L’accertamento del tasso alcolemico (c.d. «alcoltest») nel sangue di conducenti di veicoli, quale previsto dall’art. 186 c.s., rientra fra gli atti previsti dall’art. 354 c.p.p., nel compimento dei quali la...
Condividi
(Cass. Civ., Sez. II, 4 maggio 2005, n. 9222)
In materia di infrazioni al codice della strada ed in tema di contestazione della violazione, la disciplina speciale di cui all’art. 200 c.s., derogando a quella generale dettata dall’art. 14 L. 689/1981, prevede che è legittima la contesta...
Condividi
(Cass. Civ., Sez. I, 31 ottobre 2005, n. 21188)
Non sussiste la violazione di cui all’art. 190, secondo comma, c.d.s., nel caso in cui un pedone per attraversare la carreggiata non si sia servito di apposito sottopassaggio situato a distanza inferiore a cento metri, qualora tale sottopas...
Condividi
Pagine: 1