Giovedì 24 Settembre 2020
area riservata
ASAPS.it su
(Cass. Civ., sez. III, 11 marzo 2016, n. 4755)
Le risultanze del pubblico registro automobilistico (P.R.A.) costituiscono prova presuntiva in ordine al proprietario dell’autovettura obbligato a risarcire i danni da circolazione stradale, che può essere vinta da prova contraria, ma non dal mero generico riferimento al rapporto dei Carabinieri, senza la specificazione della documentazione d...
Condividi
29/Maggio/2017
Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK
(Cass. Civ., sez. III, 14 marzo 2016, n. 4907)
In tema di assicurazione obbligatoria della responsabilità civile derivante dalla circolazione dei veicoli a motore e dei natanti, nel caso in cui - già pendente il giudizio promosso dal danneggiato contro l’impresa a...
Condividi
(Cass. Civ., sez. VI, 13 maggio 2016, n. 9942)
Poiché il risarcimento del danno patrimoniale ha la funzione di reintegrare il patrimonio del danneggiato nella esatta misura della sua lesione, le spese sostenute per le riparazioni dell’autoveicolo, che ha subìto da...
Condividi
(Cass. Civ., sez. II, 16 maggio 2016, n. 9974)
In tema di sanzioni amministrative per violazioni del codice della strada, il verbale di contestazione della infrazione deve contenere gli estremi dettagliati e precisi della violazione, a norma dell’art. 201 cod. strada, come riba...
Condividi
(Cass. Civ., sez. III, 26 maggio 2016, n. 10893)
Nell’ipotesi di sinistro provocato dalla presenza di pneumatico sulla sede autostradale, l’automobilista danneggiato, per ottenere il risarcimento da parte del custode, deve dimostrare unicamente l’esistenza del danno e...
Condividi
(Cass. Civ., sez. II, 14 giugno 2016, n. 12331)
L’art. 4 del D.L. 20 giugno 2002, n. 121 (convertito, con modificazioni, nella legge 1 agosto 2002, n. 168) demanda al prefetto l’individuazione delle strade sulle quali possono essere installati i mezzi di rilevamento a dist...
Condividi
(Cass. Cv., sez. II, 24 febbraio 2016, n. 3655)
In caso di violazione delle norme del codice della strada cui consegua la decurtazione di punti dalla patente, l’obbligo di comunicare le generalità del conducente del veicolo grava, ex art. 126 bis, comma 2, cod. strada (ne...
Condividi
(Cass. Pen., sez. IV, 13 gennaio 2016, n. 1015)
La sostituzione della pena detentiva e pecuniaria con il lavoro di pubblica utilità, ai sensi dell’art. 186, comma 9-bis, cod. strada, non consegue automaticamente al ricorrere dei presupposti legali ma è rimessa alla...
Condividi
(Cass. Civ., sez. II, 26 gennaio 2016, n. 1419)
La sanzione amministrativa accessoria della confisca del veicolo "adoperato per commettere un reato" può essere comminata, ai sensi dell’art. 213, comma 2 sexies, cod. strada (nel testo applicabile "ratione te...
Condividi
(Cass. Civ., sez. III, 19 febbraio 2016, n. 3257)
Il concetto di circolazione stradale di cui all’art. 2054 c.c. include anche la posizione di arresto del veicolo e ciò in relazione sia all’ingombro da esso determinato sugli spazi addetti alla circolazione, sia alle o...
Condividi
(Cass. Civ., sez. II, 16 febbraio 2016, n. 2961)
In tema di sanzioni amministrative per violazioni del codice della strada, nel caso in cui venga proposta opposizione direttamente avverso il verbale di contestazione della violazione, la legittimazione passiva spetta all’amministr...
Condividi
(TAR Veneto, sez. III, 26 febbraio 2016, n. 222)
L’accadimento di un sinistro stradale, pur con gravi conseguenze, non può considerarsi presupposto sufficiente ex se a giustificare un ragionevole dubbio in ordine alla permanenza dei necessari requisiti di idoneità a...
Condividi
(G.d.P. Civ. MI, sez. VI, 10 febbraio 2016, n. 1376)
Nel caso di due o più violazioni uguali al Codice della strada, commesse a pochi minuti di distanza, queste fanno parte di “una condotta unitaria” e, come tali, sono sanzionabili secondo il principio della continuazion...
Condividi
(Tribunale Pen. Mc, uff. GIP/GUP, 13 aprile 2016)
Nell’ipotesi in cui si sia proceduto con richiesta di decreto penale per un reato poi depenalizzato ai sensi del D.L.vo n. 8 del 2016 (nel caso guida senza patente: art. 116, comma 15, C.d.S.) e il conseguente decreto penale sia st...
Condividi
(Cass. Pen., sez. IV, 2 febbraio 2016, n. 4321)
In materia di sanzioni amministrative (nella specie per violazioni stradali), la maggiorazione del dieci per cento semestrale, ex art. 27 della L. n. 689 del 1981, per il caso di ritardo nel pagamento della somma dovuta, ha natura di san...
Condividi
(Tribunale Civ. To, sez. III, 27 aprile 2016, n. 2375)
Qualora risulti provato, eventualmente anche in base al principio di non contestazione di cui all’art. 115, comma 1, c.p.c., che un tratto stradale in ambito urbano interessato da un rilevamento a distanza ex art. 4 L. 168/2002 non...
Condividi
(Cass. Civ., sez. II, 16 febbraio 2016, n. 2956)
In materia di infrazioni al codice della strada, le attribuzioni del personale ispettivo delle aziende di trasporto pubblico comprendono, ex art. 17, comma 133, della L. n. 127 del 1997, come integrato ed interpretato autenticamente dall...
Condividi
(Cass. Civ., sez. II, 16 febbraio 2016, n. 2973)
In tema di accertamento delle violazioni delle norme del codice della strada, i dipendenti di aziende esercenti il trasporto pubblico di persone, aventi funzioni ispettive, ai quali, ai sensi dell’art. 17, comma 133, della L. n. 12...
Condividi
(Cass. Civ., sez. II, 29 febbraio 2016, n. 3939)
In tema di circolazione stradale, la segnaletica contenente divieti ed obblighi vincola tutti gli utenti della strada, in applicazione delle regole di normale prudenza, anche a prescindere dalla legittimità del provvedimento; tutt...
Condividi
(Cass. Civ., sez. VI, 1 aprile 2016, n. 6403)
Il porsi alla guida di un veicolo non adattato alla situazione fisica di conducente portatore di protesi al braccio, ma titolare di regolare patente speciale, non è equiparabile alla guida senza patente. Ne consegue che, in tale i...
Condividi
Pagine: 1 2