Venerdì 14 Agosto 2020
area riservata
ASAPS.it su
(Cass. civ., sez. un., 15 marzo 2007, n. 5979)
L’impugnazione del provvedimento di revisione della patente di guida emesso dal direttore dell’Ufficio provinciale della Motorizzazione civile ai sensi dell’art. 128, primo comma, c.s. rientra nella giurisdizione del giudice amministrativo, trattandosi di provvedimento la cui adozione è rimessa alla discrezionalità della P....
Condividi
20/Dicembre/2017
Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK
(Cass. civ., sez. II, 8 agosto 2007, n. 17348)
In tema di violazioni alle norme del codice della strada, con riferimento all’illecito previsto dall’articolo 126 bis, secondo comma, nella formulazione risultante dalla sentenza della Corte costituzionale 24 gennaio 2005 n. ...
Condividi
(Cass. civ., sez. II, 12 giugno 2007, n. 13748)
In tema di violazioni alle norme del codice della strada, con riferimento alla sanzione pecuniaria inflitta per l’illecito amministrativo previsto dal combinato disposto degli articoli 126 bis, secondo comma, penultimo periodo, e 1...
Condividi
(Cass. civ., sez. II, 24 settembre 2009, n. 20611)
In caso di violazione delle norme sulla circolazione commesse dal conducente di un veicolo preso a noleggio, il soggetto che abbia noleggiato il veicolo - e che non risulti esserne stato alla guida - non è obbligato in solido con ...
Condividi
(Cass. civ., sez. II, 20 maggio 2011, n. 11185)
In relazione alla contestazione della violazione di omessa comunicazione dei dati del conducente di un veicolo di cui all’art. 126 bis C.s., ove la contestazione sia avvenuta tardivamente (per superamento del termine di cui all&rsq...
Condividi
(Cass. civ., Sezioni Unite, 13 marzo 2012, n. 3936)
In tema di sanzioni amministrative conseguenti a violazioni del codice della strada che, ai sensi dell’art. 126 bis del codice della strada, comportino la previsione dell’applicazione della sanzione accessoria della decurt...
Condividi
(Cass. civ., Sezioni Unite, 13 marzo 2012, n. 3940)
In tema di sanzioni amministrative relative alla circolazione stradale, ove venga commessa, con una sola azione o omissione, la violazione di diverse disposizioni del codice della strada, a ciascuna delle quali consegua la decurtazione d...
Condividi
(Cass. civ., sez. VI, 16 giugno 2014, n. 13598)
In materia di infrazioni al codice della strada, nel giudizio di opposizione a sanzione amministrativa il cumulo della sanzione pecuniaria, di valore determinato, e della sanzione accessoria della decurtazione dei punti dalla patente di ...
Condividi
(Cass. civ., sez. VI, 26 marzo 2015, n. 6063)
È ammissibile l’impugnativa cumulativa proposta con unico atto avverso diverse sentenze allorché i relativi procedimenti, pur riguardando situazioni giuridiche formalmente distinte, dipendano per intero dalla soluzion...
Condividi
(Cass. civ., sez. VI, 26 marzo 2015, n. 6063)
In tema di violazioni al codice della strada, il proprietario dell’autoveicolo, nell’ipotesi di mancata identificazione del conducente autore della infrazione, è tenuto a comunicare i dati personali e della patente di ...
Condividi
(Cass. civ., sez. II, 24 febbraio 2016, n. 3655)
In caso di violazione delle norme del codice della strada cui consegua la decurtazione di punti dalla patente, l’obbligo di comunicare le generalità del conducente del veicolo grava, ex art. 126 bis, comma 2, c.s. (nel testo...
Condividi
(Cass. civ., sez. VI, 11 aprile 2016, n. 7003)
In tema di violazione per omessa comunicazione dei dati del conducente di un veicolo ai sensi dell’art. 126 bis c.s. ove la contestazione della violazione principale sia avvenuta tardivamente, va esclusa la sussistenza dell’o...
Condividi
(Cass. civ., sez. VI, 16 settembre 2016, n. 18174)
Il provvedimento di revisione della patente di guida, atto vincolato all’azzeramento dei punti, non presuppone l’avvenuta comunicazione all’interessato delle variazioni di punteggio che lo riguardano poiché il co...
Condividi
(Tribunale Civ. Treviso, sez. I, 2 maggio 2016, n. 1134)
Il principio della libertà di sosta, pur avendo portata generale, trova, tuttavia, il proprio limite nel potere del Comune, ai sensi dell’art. 7, lett. e) ed f) c.d.s., di destinare una determinata area a parcheggio (a pagam...
Condividi
(Cass. Civ., sez. VI, 13 aprile 2017, n. 9646)
In materia di responsabilità civile per violazione delle norme sulla circolazione automobilistica, il rispetto, da parte dell’agente, dell’obbligo, imposto dall’art. 141 del codice della strada, di regolare la ve...
Condividi
(Cass. Civ., sez. III, 5 maggio 2017, n. 10916)
 In tema di responsabilità civile della P.A. per la manutenzione di una strada, sotto il profilo dell’omessa predisposizione delle opere accessorie laterali alla sede stradale, la circostanza che l’adozione di spe...
Condividi
(Cass. Civ., sez. III, 28 aprile 2017, n. 10513)
Presupposto per l’applicazione dell’art. 2054 c.c. e della correlata normativa sull’assicurazione obbligatoria per la R.C.A, nonché del Codice della strada, è che il sinistro avvenga in un’area strad...
Condividi
(Cass. Civ., sez. VI, 13 giugno 2017, n. 14834)
La notificazione della cartella di pagamento emessa per la riscossione di sanzioni amministrative, ai sensi della L. n. 689 del 1981 (e successive modificazioni), disciplinata dall’art. 26 del D.P.R. n. 602 del 1973 (anche dopo la ...
Condividi
(Cass. Civ., sez. II, 18 ottobre 2016, n. 11574)
In tema di rilevazione della violazione del divieto di proseguire la marcia con impianto semaforico rosso a mezzo di apparecchiature elettroniche, né il codice della strada né il relativo regolamento di esecuzione prevedono...
Condividi
(Cass. Civ., sez. II, 19 maggio 2017, n. 12679)
  In tema di noleggio con conducente (n.c.c.), l’esistenza di un contratto di appalto, in virtù del quale l’autovettura adibita al servizio di autonoleggio sia a disposizione dei clienti del committente in giorn...
Condividi
Pagine: 1 2 3 4 5 ... 9