Martedì 27 Luglio 2021
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 07/01/2004

dal "Corriere della Sera del" del 4 gennaio 2004 - Patente, in sei mesi tolti 613 mila punti Il bilancio: da luglio morti e incidenti sono scesi del 18%. «Difficili i controlli sulla droga»

CASSETTO: NOTIZIE/BREVI // FILE: DIRETTA WEB // WEB:0008

 

dal "Corriere della Sera del" del 4 gennaio 2004

Patente, in sei mesi tolti 613 mila punti
Il bilancio: da luglio morti e incidenti sono scesi del 18%. «Difficili i controlli sulla droga»


 

La patente a punti è in vigore da sei mesi e i risultati sono oltremodo confortanti. Non solo per la diminuzione delle infrazioni ma, soprattutto, perché sono calati, vistosamente, incidenti, morti e feriti. Evidentemente, le detrazioni di punteggio, con la conseguente minaccia di dover rifare l’esame di guida, hanno istituito una nuova cultura della guida. I dati, relativi alle infrazioni contestate da Polstrada e Carabinieri, sono stati raccolti dal Dipartimento della Polizia di Stato-Servizio Polizia Stradale ed elaborati dal periodico dell’associazione dei poliziotti, «Il Centauro-Asaps», e presentati ieri sera sul sito Internet. Nel periodo tra il primo luglio e il 31 dicembre sulle strade italiane si sono avuti 83.247 incidenti con 1.991 morti e 57.738 feriti. Il decremento è sensibile: -18,65 per cento nel numero di incidenti, -18,19 per cento di incidenti mortali (-18,34 per cento di morti), -20,8 per cento di incidenti con feriti (-22,75 per cento di feriti). In questi sei mesi Polizia e Carabinieri hanno contestato 1.568.985 infrazioni che sono costate agli auto-motociclisti ben 613.644 punti. L’analisi dei dati degli incidenti stradali avvenuti nei primi 6 mesi dall’introduzione della patente a punti, è una conferma della tendenza positiva, stabilizzatasi ormai da novembre. Infatti dopo un primo impatto decisamente positivo nei mesi estivi, si era constatato un rallentamento della tendenza, che ora si è invece stabilizzato su percentuali di diminuzione comunque consistenti. Nei primi sei mesi del dopo patente a punti, molto significativo perché periodo misto estivo-invernale, secondo i dati raccolti (ai quali si dovranno aggiungere poi i rilievi delle varie polizie municipali) gli incidenti sono stati 19.081 in meno rispetto a quelli dello stesso periodo del 2002. I morti sono diminuiti di ben 447 unità e i feriti di 17.003. Si tratta di risultati decisamente molto positivi che però ora devono dimostrare una loro tenuta.
Volendo poi analizzare un dato omogeneo, possiamo riferirci agli incidenti stradali nella rete autostradale dove i rilievi degli incidenti e delle infrazioni commesse vengono svolti esclusivamente dalla Polizia Stradale. In questo caso la diminuzione percentuale dei sinistri è inferiore: infatti sono passati da 25.741 a 22.020, con un calo di 3.721 e una percentuale di -14,46 per cento. I morti sono stati invece 67 in meno, passando da 354 a 287, con un calo del 18,93 per cento, addirittura superiore al dato generale. I feriti sono passati da 13.121 del 2002 a 10.550 del 2003, con un calo di 2.571, pari a un -19,6 per cento, inferiore al dato generale.
Sono stati, inoltre, 5.997 gli incidenti che hanno coinvolto veicoli commerciali superiori a 3,5 tonnellate (4.339 in autostrada); 115 i veicoli per trasporto di merci pericolose coinvolti in sinistri (44 in autostrada); 284 incidenti hanno visto coinvolti autobus (141 in autostrada). Le nuove norme hanno dato ottimi risultati anche per quello che riguarda le fughe con omissioni di soccorso, punito ora molto severamente (reclusione da tre mesi a tre anni e sospensione della patente da uno a tre anni): sono state 339, di cui 68 in autostrada, (-33,4 per cento).
Ci sono tuttavia alcune «aree» che la nuova patente a punti non riesce bene a delineare. E sono quelle relative alla guida sotto l’effetto degli stupefacenti. In un recente convegno, diretto da Balduino Simone, comandante del Centro addestramento Polizia Stradale di Cesena, è stata sottolineata la necessità di trovare il modo di verificare, sulla strada, chi guida sotto l’effetto di una droga. Il primo accertamento, con le norme in vigore, può essere solo fatto da un medico in ospedale e con il consenso del guidatore. Fatto che consente a molti guidatori di eludere i controlli e farla franca.

Nestore Morosini 

 

 

Mercoledì, 07 Gennaio 2004
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK