Venerdì 23 Luglio 2021
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 03/01/2004

dal "L’Arena di Verona" del 2 gennaio 2004 - Sistema realizzato da Società autostrade Per i mezzi pesanti da ieri in Austria pedaggio elettronico

CASSETTO: NOTIZIE/BREVI // FILE: DIRETTA WEB // WEB:0005

 

dal "L’Arena di Verona" del 2 gennaio 2004

Sistema realizzato da Società autostrade
Per i mezzi pesanti da ieri in Austria pedaggio elettronico


 

Vienna. La riscossione elettronica dei nuovi pedaggi sulle autostrade austriache, entrata in vigore in Austria dalla mezzanotte del 31 dicembre per i mezzi commerciali pesanti a pieno carico oltre 3,5 tonnellate, procede senza problemi . I pedaggi vengono riscossi automaticamente, cioè senza caselli autostradali che bloccano il flusso del traffico, attraverso un sistema di ricetrasmittenti - le « go-box » - che con un segnale acustico confermano l’avvenuto pagamento ogni volta che passano sotto uno dei 430 congegni di rilevamento in funzione (su 860 previsti) , dislocati lungo i circa 2.000 chilometri di autostrade e superstrade austriache.
Il sistema entrato puntualmente in vigore da ieri è stato realizzato dalla italiana Società autostrade in collaborazione con l’austriaca Kapsch e l’Asfinag (società di finanziamento della viabilità austriaca), e gestito da Europpass Lkw-Mausystem. Spariscono quindi anche i vecchi caselli dove, in pochi casi eccezionali, veniva pagato fisicamente un pedaggio per alcuni tronconi autostradali austriaci. Le cose si mettono male se i « bip » diventano quattro: in tal caso la macchinetta di rilevazione non funziona, e va sostituita.
Finora sono stati distribuiti 190 mila dispositivi del « Multilane free-flow Mautsystem » , personalizzati con i rispettivi numeri di targa ; in tutto sono previsti 400 mila automezzi austriaci e stranieri che useranno il sistema.
L’obbligo di pagare il pedaggio vale infatti anche per tutti gli automezzi stranieri diretti oppure di passaggio nel Paese alpino. Gli apparecchi sono in vendita a 5 euro anche ai distributori di carburante. Per le automobili ed i mezzi di peso inferiore a 3,5 tonnellate resta in vigore invece il sistema di pagamento forfettario, attraverso un adesivo che si deve acquistare ogni anno ed applicare sul parabrezza. I l sistema di rilevazione elettronica dei pedaggi commerciali a pieno regime prevede 1,8 milioni di rilevazioni al giorno. La prova del fuoco è prevista per la seconda settimana del 2004, quando i trasporti torneranno al loro ritmo normale. I guadagni per legge devono essere reinvestiti nel sistema stradale austriaco. La Società Autostrade ha vinto la gara di appalto per il nuovo sistema di riscossione dei pedaggi, una commessa da 750 milioni di euro.

 

Sabato, 03 Gennaio 2004
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK