Martedì 31 Gennaio 2023
area riservata
ASAPS.it su
Comunicati stampa 13/01/2023

SICUREZZA STRADALE:
“IVA RIDOTTA SUI SEGGIOLINI PER AUTO E’ MESSAGGIO DI ATTENZIONE ALLE FAMIGLIE”

ASAPS plaude all’iniziativa del Governo che, con la legge di bilancio 2023, ha ridotto per la prima volta, dal 22% al 5% l’IVA sui seggiolini per bambini da installare negli autoveicoli. Una battaglia iniziata nel 2011, quando emerse come questi  strumenti e attrezzature che possono salvare vite umane avevano tutti l’IVA al 22%, a differenza di altri prodotti, quali le figurine per gli album dei bambini che a quel tempo venivano vendute al 4% di IVA. ASAPS negli anni ha sempre seguito il tema della sicurezza stradale degli utenti più piccoli sulla strada, come i bambini, attraverso apposite campagne come quella sull’adozione dei seggiolini anti-abbandono, soprattutto dopo tragedie che si potevano evitare (https://www.asaps.it/p/68110), pubblicando periodicamente notizie riportate sul sito www.asaps.it, sull’Osservatorio incidenti ai bambini che monitora i decessi dei piccoli da 0 a 14 anni per sinistri stradali, tutte attività che hanno portato l'opinione pubblica ad una maggiore attenzione sull'argomento, in particolare sulle modalità di trasporto di figli e di nipotini in auto.

L’IVA agevolata sui seggiolini è un segnale importante per la sicurezza stradale e per le famiglie, già costrette a molte spese alla nascita di un figlio – dichiara Giordano Biserni, Presidente ASAPS, tanto è vero che avevamo chiesto da alcuni anni proprio l'abbassamento dell'IVA su queste tipologie di prodotto, dopo che il Governo aveva attivato anche un portale per richiedere il contributo minimo per gli acquisti del nuovo seggiolino anti-abbandono, con una iniziativa poi chiusa perché i finanziamenti erano terminati. Ora, finalmente, il Governo ha introdotto una IVA agevolata sui seggiolini che stabilisce la riduzione dal 22% al 5%. Lo prevede la nuova legge di bilancio Legge 29 dicembre 2022, n. 197 Bilancio di previsione dello Stato per l'anno finanziario 2023 e bilancio pluriennale per il triennio 2023-2025 , all'art. 1 comma 72, riducendo le imposte su prodotti per la cura e la crescita dei bambini, ed espressamente per "seggiolini per bambini da installare negli autoveicoli".” Molto spesso i seggiolini salvano le vite dei bambini, ed il loro utilizzo corretto è fondamentale. ASAPS sensibilizza periodicamente l’utenza stradale, anche sulla necessità di adottare quelli espressamente previsti dalla legge e con le apposite marchiature CE, in un mercato molto spesso “drogato” da prodotti non in regola con la normativa e tecnicamente non idonei a garantire l’incolumità dei più piccoli. Da febbraio 2020 era diventato operativo l'obbligo di installare a bordo dei veicoli un dispositivo di allarme per prevenire i casi di abbandono in auto di bambini di età inferiore ai 4 anni, introdotto dalla legge 1. ottobre 2018, n. 117.

Le indicazioni previste dall’art. 172 del codice della strada per il trasporto di bambini di statura inferiore a 1,50 m e di peso inferiore a 36 kg sono quelle di assicurare sempre i piccoli al sedile con un sistema di ritenuta, adeguato al loro peso, di tipo omologato secondo le normative vigenti, e prevedono una sanzione da 83 a 332 euro, mentre i piccoli di età inferiore ai 4 anni assicurati al sedile con sistema di ritenuta omologato, senza però utilizzare un apposito dispositivo di allarme volto a prevenire l'abbandono del bambino o con un dispositivo non rispondente alle specifiche tecnico-costruttive e funzionali stabilite con decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, faranno scattare sanzioni da 81 a 325 euro. In entrambi i casi, i conducenti avranno cinque punti decurtati dalla patente, che diventano dieci per i neopatentati. Ma la vera e più drammatica sanzione sarebbe quella di vedere un bambino gravemente ferito o che ha perso la vita quasi prima di iniziarla.


Forlì, 13 gennaio 2023
 


Un altro importante risultato sollecitato negli anni scorsi dall’ASAPS per la riduzione dell’importo dell’Iva sui seggiolini per bambini.
Era inammissibile l’Iva al 4% per le figurine in edicola per gli album dei bambini e al 22% per i seggiolini.

 

 

>SOSTIENI LE BATTAGLIE DELL’ASAPS PER LA SICUREZZA STRADALE
CON LA TUA DONAZIONE ALL’ASSOCIAZIONE



 


 

Venerdì, 13 Gennaio 2023
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK