Lunedì 22 Luglio 2024
area riservata
ASAPS.it su

Autista di bus trovato ubriaco prima di portare una scolaresca a Roma: denunciato e patente ritirata

RIETI - Erano da poco passate le otto del mattino, quando gli agenti della Polizia Stradale di Rieti accertavano, che il tasso alcolemico di un conducente era superiore a 1 grammo per litro.
Una condotta decisamente grave per qualsiasi persona che si voglia mettere alla guida, ma ancor di più per un autista di autobus il cui tasso di alcol nel sangue deve essere pari a 0 g/l e che soprattutto di lì a breve avrebbe dovuto trasportare una intera scolaresca in gita scolastica a Roma. Al conducente veniva quindi immediatamente ritirata la patente di guida e denunciato per il reato di guida in stato di ebrezza.

Nonostante l’accaduto la partenza della gita fortunatamente veniva rinviata di poco, il tempo necessario di reperire un sostituto idoneo in grado di condurre la scolaresca alla visita d’istruzione in tutta sicurezza.

La Polizia Stradale di Rieti è da sempre in prima linea nel contrasto alla guida in stato di ebrezza anche nell’ambito del trasporto di scolaresche che svolgono viaggi di istruzione. A tal fine protocolli stipulati fra il Ministero dell’Istruzione e il Ministero dell’Interno, prevedono controlli mirati da parte della Polizia Stradale sugli autobus che trasportano gli studenti.

Nella nostra provincia, in accordo con gli Istituti di Istruzione, nell’anno scolastico in corso dal mese di settembre ad oggi, sono stati predisposti ed eseguiti ben 23 servizi preventivi.

da  ilmessaggero.it


Non c’è da stare molto tranquilli se a un conducente ebbro è affidato un bus per una gita scolastica con una intera scolaresca. Fortunatamente è intervenuta una pattuglia della Polizia Stradale di Passo Corese (RI) (un distaccamento dissanguato e con appena 5 agenti in organico!!) e ha interrotto la catena del rischio. Bene!! (ASAPS)


 

Venerdì, 23 Dicembre 2022
stampa
Tag: Alcool, Autobus.
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK