Mercoledì 07 Dicembre 2022
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 09/09/2022

Multe, lʼAsaps chiede di bloccare gli aumenti previsti dallʼinflazione

Il primo gennaio 2023 le multe potrebbero aumentare del 10% in base al caro-vita e per gli italiani potrebbe essere lʼennesima mazzata

LʼAssociazione sostenitori della Polizia Stradale Asaps si dichiara contro lʼaumento delle multe, previsto ogni due anni in base allʼaumento del costo della vita. I prossimi aumenti scatteranno il 1° gennaio 2023, ma con il caro-vita e il caro-carburanti di questi ultimi mesi sarebbe lʼennesima mazzata sugli italiani.

Attraverso il suo presidente Giordano Biserni, lʼAsaps chiede a tutte le forze politiche oggi in campagna elettorale di prendere impegni per bloccare lʼaumento biennale delle sanzioni al Codice della Strada. Con lʼinflazione in ascesa si paventa infatti un vero salasso per gli automobilisti. In base allʼindice nazionale dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati, si rischia una stangata del +10%: un divieto di sosta passerebbe da 42 a 46 euro, un accesso abusivo alle ZTL da 83 a 91 euro e un eccesso di velocità compreso tra 10 e 40 km/h dagli attuali 165 a 181 euro. Certo multare gli indisciplinati è sacrosanto, ma per lʼAsaps non al punto di minare il bilancio familiare.

Di fronte a una situazione economica veramente critica, post emergenza Covid, aumenti di bollette e prezzi in generale a causa del conflitto in Ucraina, si rischia che le multe rimangano grida manzoniane ‒ afferma Biserni ‒ perché questi aumenti esaspereranno gli automobilisti e verranno pagati o in minima parte o mai, come dimostrato dai cali di incassi del bilancio dello Stato e degli enti locali, in materia di riscossione volontaria”. Già 10 anni fa, allʼepoca del governo Monti, ci fu un aumento delle multe del 5,4% e non venne accolto lʼinvito dellʼAsaps a evitare lʼincremento in una fase di grave crisi economica. Speriamo non accada ancora!

da tgcom24.mediaset.it


Continua l'impegno dell'ASAPS per cercare di evitare un inutile incremento di circa il 10% delle sanzioni. Ma sarà difficile perché le amministrazioni non vorranno rinunciare a questa ulteriore entrata. Ma più aumentano le sanzioni più cresceranno, in un momento così difficile,  quelli che poi non le pagano. Aumentino invece le pattuglie se vogliono veramente fare sicurezza sulle strade!
Su Tgcom24.

Venerdì, 09 Settembre 2022
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK