Giovedì 11 Agosto 2022
area riservata
ASAPS.it su

F1, è morta Antonia Terzi: aprì la strada alle donne nel Mondiale

Modenese, ingegnere aerodinamico di grande talento, ha lavorato in Formula 1 con Ferrari e Williams-Bmw. È morta in un incidente stradale nel Regno Unito

Un incidente stradale in Inghilterra. E' un epilogo crudele e beffardo quello che ha chiuso prematuramente la vita di Antonia Terzi, a soli 50 anni. Sì perché Antonia, prima ingegnere donna alla Ferrari e tra i primissimi in Formula 1, sulla strada per far sfrecciare “ le sue creature” ci viveva fin da bambina. D’altronde era nata a San Felice sul Panaro, in quel Modenese che echeggia di rombi di motori per natura. E allora lei , anche negli anni più teneri, alla fatidica domanda “Che vuoi fare da grande?” rispondeva “Disegnare auto. Non modellini: vere e per la F1”. Decisa e spiazzante. Con una laurea, allora pionieristica, in ingegneria aerodinamica, non aveva perso tempo: in Ferrari se l’erano accaparrata che ancora era una ragazzina. Erano gli anni d’oro: Jean Todt e Michael Schumacher al potere.

Il passaggio in williams

Lì, al Cavallino, rimase per 5 anni. Anni, fitti di idee e successi, anni in cui non rimase mai dietro le quinte ma scese sempre, in prima linea, in pista: in un’epoca in cui le donne in F1 ricoprivano al massimo ruoli di sponsor o comunicazione, un’innovazione senza precedenti. Sbigottito e spaesato rimaneva così chi la intravedeva nel box con le sue cuffie e la sua aria competente sempre presente all’appello. Non passò inosservata neanche agli occhi della Williams che presto la strappò a Maranello. Antonia allora aveva 31 anni e tante idee nel suo serbatoio: la più emblematica fu quella del muso a tricheco, visto sulla FW26 nel 2004 con Juan Pablo Montoya e Ralf Schumacher. Senza addentrarci troppo nel gergo tecnico: attacchi delle sospensioni sporgenti dalla scocca capaci di regalare un maggior passaggio d’aria alla parte inferiore. Un’auto che non attirava l’attenzione per il suo lato estetico ma che faceva del pragmatismo la sua punta di diamante. Ed era il riflesso del carattere di Antonia: una che all’ostentazione ha sempre preferito riservatezza e praticità.

Lo studio e l’università

Anche lo studio era suo compagno costante: accantonata dai suoi binari l’esperienza in F1 si è subito dedicata alla ricerca. Poi una parentesi alla Dallara e via in Olanda con l’intento di trasmettere ciò che esperienza e vita le avevano insegnato: ingegneria, neanche a dirlo, la sua cattedra. Sempre in viaggio, sempre sull’onda di idee innovative: il superbus, mezzo da 23 posti in fibra di carbonio e un’iconica apertura ad “ali di gabbiano” fu il suo ultimo regalo al mondo dei motori: una creatura da 250 chilometri all’ora che magari presto sfreccerà anche nelle nostre strade. Chiamata dall’Università di Canberra, in Australia, stava per trasferirsi. Poi la strada...

da gazzetta.it


 

Un patrimonio ingegneristico perduto per un incidente in GB. (ASAPS)

Martedì, 02 Novembre 2021
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK