Domenica 19 Settembre 2021
area riservata
ASAPS.it su

Uccise un uomo in scooter e fuggì dal carcere di Torino: arrestata dopo oltre quattro anni

Aveva abbandonato la figlia dietro le sbarre
L'incidente mortale di strada Aeroporto del maggio 2017, in cui perse la vita Oreste Giagnotto

È stata arrestata ed è tornata in carcere a inizio settembre 2021 Laura Sulejmanovic, la 25enne rom bosniaca residente nel campo di strada Aeroporto a Torino che a giugno 2017 era evasa dal carcere delle Vallette abbandonandovi la figlia di un anno e che era stata condannata in contumacia a tre anni e quattro mesi di reclusione per omicidio stradale, omissione di soccorso e fuga dopo incidente per avere provocato, il mese precedente, la morte di Oreste Giagnotto, 58enne rimasto ucciso in un incidente poco distante dal campo. La giovane, che all'epoca aveva 21 anni, guidava (senza avere mai conseguito la patente) un camper che aveva fatto una spericolata manovra di inversione di marcia e, dopo l'incidente, era fuggita verso Borgaro Torinese per poi abbandonare il mezzo e costituirsi agli agenti del commissariato Madonna di Campagna.

La sua permanenza in carcere, però, era durata appena un mese. Proprio nel giorno in cui era stata indetta una manifestazione di protesta contro i campi rom a cui avevano partecipato i parenti della vittima, che tra l'altro era stata derubata mentre era agonizzante in strada Aeroporto, lei era riuscita a fuggire in modo rocambolesco dal penitenziario scavalcando la recinzione e abbandonando la sua bambina. Anche questo aveva scatenato la protesta della famiglia Giagnotto: "Vogliamo vederla in galera, non si può pensare di farla franca dopo quello che ha fatto", avevano detto i parenti dell'uomo.

Laura Sulejmanovic è stata fermata a marzo 2021 dalla polizia a Ventimiglia (Imperia), ma il tribunale di sorveglianza di Genova l'aveva rimessa in libertà dopo pochi giorni per questioni procedurali. La sua libertà e impunità è così durata per altri sei mesi (per un totale di quattro anni e tre mesi, un periodo addirittura superiore alla sua condanna) fino a quando i carabinieri della stazione Falchera l'hanno sorpresa nuovamente nella zona di strada Aeroporto. Adesso è tornata in carcere.

da torinotoday.it


Fine della latitanza. (ASAPS)

Mercoledì, 15 Settembre 2021
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK