Martedì 17 Maggio 2022
area riservata
ASAPS.it su

Tragedia in via Argine Ducale: bimba di 9 anni cade dalla bici e il giorno dopo muore

Il mattino seguente ha accusato nausea e vomito. All'arrivo dell'ambulanza non c'era più nulla da fare. Indagini in corso

Tragedia in via Argine Ducale nella tarda mattinata. Una bimba di appena 9 anni ha accusato un improvviso malessere con vomito e in seguito è deceduta. Il tutto sembrerebbe riconducibile a una sua caduta dalla bicicletta avvenuta il giorno precedente, mentre giocava con il fratellino nel parco dell’Acquedotto.

Dal racconto della famiglia di origini marocchine (madre, padre e i due fratelli), la bimba nella giornata del 10 agosto stava usando la sua bicicletta ed è rovinata al suolo battendo la testa. Non sembrava nulla di particolarmente grave, tant’è che la piccola è tornata a casa con il fratellino e ha trascorso il resto della giornata senza particolari problemi. Purtroppo già durante la notte ha iniziato ad avere qualche problema e il mattino seguente ha iniziato a stare male, accusando nausea e vomito, così i genitori hanno chiamato il 118. Quando l’ambulanza è giunta sul posto, però, era già troppo tardi e i sanitari non hanno potuto fare altro che constatare il decesso della bimba dopo aver tentato a lungo di rianimarla.

Sul posto sono intervenuti anche gli uomini della Squadra Mobile della Questura che hanno avviato le indagini, dovute, del caso. Hanno ascoltato quanto dichiarato dai genitori affranti e dal fratellino, con il medico legale che ha effettuato un primo esame esteriore della piccola salma le cui risultanze sembrano compatibili con quanto riferito. Sono in corso ulteriori approfondimenti, ma tutto farebbe ritenere che si sia trattato di una immane tragedia.

 

da estense.com


Secondo l’Osservatorio ASAPS la bambina purtroppo è la 15esima piccola vittima della strada nel 2021. Sono 7 i bambini morti sulle strade in questa estate.

Giovedì, 12 Agosto 2021
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK