Lunedì 06 Dicembre 2021
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 22/07/2021

La lunga corsa dei caschi da moto | #cosedifiliera
da uominietrasporti.it

Krysztof Maduzia è polacco di Zegocina ha 46 anni e da sei ha la cittadinanza italiana, vive a Noceto di Parma e lavora in Conap, ma anche prima trasportava sostanze chimiche. Grande appassionato di moto, da quando è nata sua figlia, Sophie, ha appeso il casco al chiodo. Ma adesso Sophie ha 14 anni e vuole il motorino. E lui ha ripreso il casco in mano…

Integrale, jet o demi jet, apribile, cross o crossover, sono solo alcuni esempi. Utilizzati per andare in moto, in bicicletta, per sciare, ma anche per lavorare. I caschi sono di diversi tipi, votati ad altrettanti diversi utilizzi, non solo nel tempo libero e nello sport ma anche in parecchie attività lavorative. Quello che li accomuna tutti è che scendono in campo (o, meglio, sarebbe da dire, salgono in testa) quando è a rischio l’incolumità – la sicurezza – della persona. Sono dei dispositivi di sicurezza molto importanti, tant’è che in molti casi dispongono di una “omologazione europea” che ne certifica la validità. Nel nostro Paese si producono ogni anno diverse migliaia di caschi, molti destinati all’esportazione, per la realizzazione dei quali vengono utilizzate anche particolari resine per garantirne qualità e robustezza. Prodotti chimici che raggiungono i siti produttivi all’interno di cisterne dedicate, come quelle che la Conap di Fiorenzuola d’Arda, nel piacentino, mette a disposizione per questo tipo di trasporto...

>Continua a leggere su uominietrasporti.it

Giovedì, 22 Luglio 2021
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK