Sabato 05 Dicembre 2020
area riservata
ASAPS.it su
La mite sentenza per l’omicidio di Alina, frutto dell’istituto del patteggiamento, delude le aspettative della mamma e dei familiari della giovane vittima e ridimensiona gli effetti della legge sull’omicidio stradale
La mite sentenza per l’omicidio di Alina, frutto dell’istituto del patteggiamento, delude le aspettative della mamma e dei familiari della giovane vittima e ridimensiona gli effetti della legge sull’omicidio stradale. E' l'amara considerazione di Giordano Biserni, presidente dell'associazione specializzata nella sicurezza str...
Condividi
23/Ottobre/2020
Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK
23/10/2020 Omicidio stradale
Il conducente dell'auto indagato per omicidio stradale
l giudice del tribunale di Siracusa Francesco Alligo ha respinto la richiesta di patteggiamento a 4 anni di carcere per omicidio stradale di Andrea Giunta, il conducente della macchina, schiantatasi il 7 dicembre dello scorso a...
Condividi
23/10/2020 Omicidio stradale , Editoriali ,...
E’ del tutto comprensibile la delusione della mamma di Alina per la troppo mite condanna a tre anni e sei mesi per l’investitrice omicida di sua figlia. L’ASAPS, che si era costituita parte civile nel processo esprime l...
Condividi
20/10/2020 Omicidio stradale , Editoriali ,...
L’ASAPS esprime la sua totale solidarietà e vicinanza alla signora Sanda Sudor per il suo strenuo appello al Presidente della Repubblica nel quale urla il suo totale dissenso alla richiesta di patteggiamento dei difensori de...
Condividi
20/10/2020 Omicidio stradale
L'Asaps, l'associazione forlivese che si occupa di sicurezza stradale, sostiene l'appello della madre di Alina Marchetta, Sanda Tudor, che ha scritto al Presidente della Repubblica
Alina, anche l'Asaps per il no al patteggiamento: "Non rendere inefficace il reato di omicidio stradale" „L'Asaps, l'associazione forlivese che si occupa di sicurezza stradale, sostiene l'appello della m...
Condividi
Le vittime erano Ergi Skenderi e Xhulio Kaya. Era accaduto davanti alla discoteca Village nella notte del 30 giugno. Il 9 ottobre in tribunale Irina Vetere ha patteggiato cinque anni di reclusione. Malore in aula per la mamma di una delle vittime
Travolse e uccise due ventenni albanesi, Ergi Skenderi e Xhulio Kaya, davanti alla discoteca Village nella notte del 30 giugno 2019. Oggi 9 ottobre, in Tribunale Irina Vetere ha patteggiato cinque anni di reclusione per omicidio stradale...
Condividi
Il 23enne, al momento dellʼincidente, avvenuto nellʼaprile del 2019, aveva un tasso alcolemico pari a 1,8 grammi per litro
Rischiava una condanna fino a 12 anni per omicidio stradale e invece Mario Marini, accusato di aver provocato la morte di Serena Durastante, guidando in stato di ebbrezza la sua auto in provincia de L'Aquila, grazie al rito del patte...
Condividi
SPOLETO - Rischia una condanna inferiore ai quattro anni di reclusione la 27enne di Castrocaro che un un anno e mezzo fa investì e uccise Alina Marchetta, 26 anni per sempre. E poco importa se alle 9 di mattina, Martina Mercuriali...
Condividi
Il giudice aggiorna al 22 ottobre. Quattro le parti civili, i famigliari della ragazza e l’Asaps di Giordano Biserni
Richiesta di patteggiamento in sede di rito abbreviato per il processo relativo alla morte della 26enne Alina Marchetta, il 7 aprile 2019 travolta e uccisa da un’auto condotta da Martina Mercuriali, 28enne studentessa universitaria...
Condividi
Pagine: 1