Martedì 27 Luglio 2021
area riservata
ASAPS.it su
Incidenti Bambini 07/12/2020

Reggio Emilia, non fa ritorno da scuola e viene investito sulla via Emilia: morto un 12enne

REGGIO EMILIA  Tragedia venerdì pomeriggio sulla via Emilia. Un ragazzino di 12 anni, Youness Lakhdar, è stato investito, verso le 15, sulla via Emilia a Cella. Ad urtarlo è stato un furgone. Il ragazzino è rimasto a terra, riportando ferite molto gravi. Sul posto sono intervenuti i mezzi del 118, che dopo averlo immobilizzato lo hanno trasportato d'urgenza all'ospedale Santa Maria Nuova di Reggio, ma non c'è stato niente da fare. Il 12enne è spirato durante il trasporto.

L'adolescente, residente a Cavriago, era uscito da scuola ma non aveva più fatto ritorno a casa. I genitori avevano quindi allertato i carabinieri, che avevano effettuato accertamenti con i famigliari e a scuola. Poi la terribile notizia di un ragazzino investito a Cella, morto durante il trasporto in ospedale. Da lì è scattato l'ulteriore accertamento: il 12enne investito era Youness.

Vasto il cordoglio in serata, quando la notizia si è diffusa, rimbalzando anche sui social, dove la famiglia aveva giàdiffuso - grazie all’aiuto di amici - la notizia della scomparsa e dell’avvio delle ricerche di Youness.

Si tratta del secondo grave incidente avvenuto quest'oggi sulla via Emilia. Un ciclista di 60 anni è stato invesito verso le 7 del mattino a Pieve mentre pedalava in sella alla sua bicicletta elettrica.

 

da gazzettadireggio.gelocal.it


 

Non ci sarà Natale per questo bambino che stava rientrando da scuola, neppure per la sua famiglia. Che tristezza.
Il bambino secondo, l’Osservatorio ASAPS, è la 39esima piccola vittima della strada quest’anno, un dato allarmante vicino alle 40 piccole vittime dell’intero 2019. Si consideri che nel 2020 causa i mesi del lockdown assistiamo a un calo notevole degli incidenti e delle vittime mortali. Non per i bambini purtroppo! (ASAPS)

Lunedì, 07 Dicembre 2020
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK