Sabato 22 Gennaio 2022
area riservata
ASAPS.it su

Steven e Angelica, la morte in strada. Lei, 17 anni, aspettava un figlio

I due fidanzati si sono schiantati contro un trattore con rimorchio. Stavano tornando da Villacidro dove erano andati a vedere i lavori della nuova casa. Aspettavano un figlio da quattro mesi

Un sorpasso azzardato, uno schianto ed è finito il sogno di Steven e Angelica, due fidanzati. Tornavano a Cagliari da Villacidro (Il «paese d’ombre», raccontato da Giuseppe Dessì, romanzo best seller) dov’erano andati per dare uno sguardo ai lavori della nuova casa dove avevano deciso di andare a vivere, quando lei, 17 anni, ha saputo che attendeva un bimbo. Tradito dalla passione per le auto e la velocità: dopo una curva Steven, da pochi mesi diciottenne, si è trovato davanti un trattore con rimorchio, forse non ha fatto neanche in tempo a vederlo e ci si è schiantato contro. Morti lui e Angelica, perduto anche il bimbo. E ora i carabinieri indagano: il ragazzo non risulta avesse patente di guida, l’auto era stata presa a noleggio. Si erano conosciuti poco più di un anno fa.

L’amore fulmineo e i grandi progetti

Steven Carbini era nato in Germania, figlio di immigrati sardi. La madre, tornata in Sardegna dopo essersi separata, aveva un nuovo compagno e per Steven aveva cercato di costruire un futuro senza incertezze: un bar enoteca aperto a Cagliari nel quartiere di Sant’Elia, proprio di fronte allo stadio di calcio, vicino ai box del mercato civico. «Esuberante, irrequieto, irresistibilmente attratto dalle emozioni forti, dalla velocità di auto e moto», dicono gli amici. Lo aveva un po’ calmato un anno fa l’incontro con Angelica: amore fulmineo e subito grandi progetti. Anche lei figlia di immigrati, Angelica Lucia Angulo Gomez, originaria del Costarica, bruna, vivace e subito affascinata da quel ragazzo simpatico e pieno di vitalità. Aspettavano un figlio da quattro mesi. Avevano deciso di lavorare a Cagliari, ma di vivere a Villacidro, paese d’origine della famiglia di Steven, che aveva una casa e voleva ristrutturarla. «Sono morti tre bambini», mormora affranta Pina, la zia.

La morte sul colpo

Il buio, la velocità. Il trattore stava davanti, Steven lo ha tamponato, Angelica è stata sbalzata fuori dall’abitacolo, il fidanzato è rimasto incastrato, tirato fuori dopo ore dai vigili del fuoco. Morti sul colpo nello schianto, con una scia di rimpianti, fatalità, negligenze che alimentano un’inchiesta giudiziaria per omicidio colposo: Steven guidava l’auto, ma chi l’aveva noleggiata e aveva affidato una Mercedes, troppo potente per essere comunque guidata da un diciottenne, a un giovane che neanche aveva la patente? E ancora: ai carabinieri non risulta alcuna omologazione del trattore — il conducente è all’ospedale, ferito — né la dotazione delle luci di sicurezza del rimorchio.


di Alberto Pinna
da corriere.it


“Tradito dalla passione per le auto e la velocità: dopo una curva Steven, da pochi mesi diciottenne, si è trovato davanti un trattore con rimorchio, forse non ha fatto neanche in tempo a vederlo e ci si è schiantato contro. Morti lui e Angelica, perduto anche il bimbo. E ora i carabinieri indagano: il ragazzo non risulta avesse patente di guida, l’auto era stata presa a noleggio. “ Ma come è possibile una cosa del genere? Si può noleggiare una macchina a un 18enne senza patente? Che storia infelice. Due giovanissimi morti e una bambino morto ancor prima di nascere. Tragicamente assurdo! (ASAPS)
 

Lunedì, 23 Novembre 2020
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK