Lunedì 14 Giugno 2021
area riservata
ASAPS.it su

Incidente ad Ostia, investito da auto pirata: morto un uomo. Caccia al conducente

L'incidente è avvenuto poco dopo le 18 in corso Regina Maria, proprio davanti la grande chiesa di Regina Pacis di Ostia. Sul posto la polizia locale e la polizia di Stato

Tragedia ad Ostia dove un uomo è stato investito e ucciso da un'auto pirata. Un incidente mortale avvenuto intorno alle 18:20 circa di lunedì 9 novembre a pochi metri dalla chiesa di Regina Pacis e la sede del X Municipio, tra Corso Regina Maria Pia e via Angelo Celli.

Un impatto drammatico con l'auto che dopo aver investito il pedone (senza documenti e quindi non ancora identificato) si è poi data alla fuga. Sul posto, allertati, gli agenti della polizia locale di Roma Capitale con il Gruppo X Mare, per i rilievi scientifici, una volante della polizia di Stato e il personale medico del 118 che hanno tentato di rianimare l'uomo per circa mezz'ora. Tentativi, purtroppo, vani: la vittima è morta poco dopo sul posto.

Le immediate indagini hanno consentito alla polizia di Stato di ritrovare l'auto pirata, una Bmw X6 grigia, in via Tagaste, a circa due chilometri dal luogo dell'incidente mortale. Nell'auto nessuna traccia del conducente investitore.

Sulle sue tracce ci sono i poliziotti del commissariato del Lido e gli agenti della Polizia Locale. La vettura, secondo i primi riscontri investigativi, non risulterebbe rubata e il proprietario sarebbe di fuori Roma.

Lorenzo Nicolini
da romatoday.it

 

>Pirateria stradale primo semestre 2020
Dati ancora preoccupanti. 386 episodi nei primi 6 mesi del 2020 con 33 morti e 463 feriti nonostante i due mesi di lockdown

 

>Pirateria stradale 2019
1.129 episodi gravi (+12,3%) che hanno causato 115 morti (+3,6%) e 1.335 feriti +17,5%


Ma prenderanno anche questo pirata. L'Osservatorio ASAPS nei primi 9 mesi del 2020 ha registrato 690 piraterie gravi nelle quali sono morte 67 persone e 820 sono rimaste ferite. Nel 73% delle piraterie mortali il conducente che si è dato alla fuga è stato poi identificato.

Martedì, 10 Novembre 2020
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK