Venerdì 21 Gennaio 2022
area riservata
ASAPS.it su
Omicidio stradale 23/10/2020

I 2 giovani morti in un incidente stradale, respinta la richiesta di patteggiamento

Il conducente dell'auto indagato per omicidio stradale

l giudice del tribunale di Siracusa Francesco Alligo ha respinto la richiesta di patteggiamento a 4 anni di carcere per omicidio stradale di Andrea Giunta, il conducente della macchina, schiantatasi il 7 dicembre dello scorso anno contro un pilone sul Lungomare di Levante, ad Ortigia, il centro storico di Siracusa, causando la morte di due giovani Benny Di Maria, 22 anni, e Loris Fazzino, 20 anni, ed il ferimento di un altro amico.

Si erano già dichiarate contrarie al patteggiamento le famiglie dei giovani deceduti, rappresentate dall’avvocato Emanuele Gionfriddo, mentre l’altra vittima dello scontro è difesa dall’avvocato Paolo Tuttoilmondo. Secondo quanto ricostruito dagli agenti della Polizia municipale, gli amici avevano trascorso la serata insieme e sarebbero saliti a bordo di una macchina, una Ford Fiesta, per fare ritorno a casa.

Il conducente dell’auto, difeso dall’avvocato Massimiliano Lipari, avrebbe perso il controllo del mezzo finito poi contro il pilone. Il veicolo si trasformò in una carcassa e fu necessario l’intervento dei vigili del fuoco per estrarre le vittime dall’auto. Furono trasferiti in ospedale ma poco dopo Benny Di Maria, e Loris Fazzino persero la vita, gettando nello sconforto le famiglie.

Il procedimento passerà ad un altro giudice ma questa vicenda processuale ne ricorda un’altra, quella relativa alla morte di Renzo Formosa, il sedicenne deceduto nell’aprile del 2017 in ospedale, a Siracusa, dopo essere stato travolto da una macchina, guidata da un ventiquattrenne. Il tribunale ha respinto ben 3 richieste di patteggiamento della difesa e nel luglio scorso è arrivata una sentenza di condanna per omicidio stradale pari a 4 anni di reclusione.

La famiglia della vittima, nel corso delle indagini, aveva anche puntato l’indice contro due agenti della Polizia municipale, accusati di aver favorito l’imputato, figlio di un loro collega. Per questo motivo, i due vigili urbani furono iscritti nel registro degli indagati per abuso di ufficio ed omissione di atti d‘ufficio ma dopo la richiesta del pm  di Siracusa, il giudice per le indagini preliminari del tribunale di Siracusa ha disposto l’archiviazione per i due.

di Gaetano Scariolo
da blogsicilia.it


Ma la richiesta di patteggiamento può anche essere respinta...! (ASAPS)

Venerdì, 23 Ottobre 2020
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK