Martedì 22 Settembre 2020
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 08/09/2020

Agente travolto e ucciso mentre aiutava automobilista in panne: Palermo gli intitola una strada

Nicola Scafidi, palermitano, fu investito sulla A4 nel settembre del 2016 mentre era a bordo strada con l'auto della polizia. Aveva 28 anni. Adesso un piazzale a Sferracavallo porterà il suo nome

A distanza di quattro anni dalla tragedia, la città non dimentica Nicola Scafidi, l’agente palermitano morto a 28 anni mentre era in servizio sulla A4. Il giovane era capopattuglia della polizia stradale: lavorava dal 2012 in Piemonte, nel comando di Novara Est. E adesso proprio la sua Palermo gli intitola una strada.

"Il capoarea Culture - spiegano dagli uffici del Comune - comunica che l'area di circolazione ricadente nel territorio della settima circoscrizione, avente i seguenti limiti toponomastici: tra i civici 36 e 38 della via Emmanuele Palazzotto, è stata denominata piazzale Nicola Scafidi, agente della polizia di Stato, medaglia d'oro al valor civile". Ci troviamo nel quartiere Sferracavallo.

Scafidi è morto il 27 settembre 2016. Quel giorno era di pattuglia con un collega. Si trovava a bordo strada con l'auto della polizia, forse per prestare soccorso ad un automobilista in panne. Secondo le prime ricostruzioni, improvvisamente sarebbe piombato ad alta velocità un furgone. Fu uno scontro violentissimo. Per il palermitano e per il conducente del furgone nulla da fare. Un episodio tragico che suscitò profondo cordoglio nell’opinione pubblica. "Un gravissimo lutto - disse subito dopo il sindaco Leoluca Orlando - per la polizia è stata l'ennesima grave perdita per garantire la sicurezza dei cittadini, anche a rischio della vita".

da palermotoday.it


 

Per ricordare Nicola a 4 anni dalla sua morte. Alla Medaglia d’Oro Nicola Scafidi  agente della Polizia Stradale travolto e ucciso sulla A4 a Novara il 27 settembre 2016 verrà intitolato un piazzale nel quartiere Sferracavallo. A lui va ancora il nostro pensiero. (ASAPS)

Martedì, 08 Settembre 2020
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK