Sabato 31 Ottobre 2020
area riservata
ASAPS.it su

Osservatorio ASAPS “Stragi del sabato sera”
Nel terzo  fine settimana di giugno 15 gli incidenti registrati con 4 morti e 23 feriti

Netto aumento rispetto alla settimana scorsa quando gli incidenti furono 7, i morti 3 e i feriti 7

https://www.asaps.it/downloads/images/33679.jpg

 

Cresce  il numero degli incidenti nelle due notti del fine settimana, e quello dei feriti. Una vittima in più  rispetto la settimana scorsa. 

Nel terzo fine settimana di giugno l’Osservatorio ASAPS sulle “Stragi del sabato sera” dove vengono registrati gli incidenti gravi che coinvolgono conducenti giovani nelle due notti (dalle 22 alle 06)  del venerdì sul sabato e del sabato sulla domenica (19-21 giugno) ha registrato 15 incidenti gravi (il doppio della scorsa settimana)  dove si sono contate 4 vittime e 23 feriti. Due vittime avevano  meno di 20 anni, una meno di 25 e una meno di 40 anni. La settimana scorsa gli incidenti gravi erano stati 7 con 3 vittime e 7 feriti.

Nove incidenti sono avvenuti al nord, tre al centro e tre al sud. Undici  incidenti hanno visto coinvolte auto, quattro hanno coinvolto delle moto. In quattro incidenti è stato coinvolto un pedone. Quattro incidenti sono avvenuti su strade statali e provinciali, due  in autostrada e nove in area urbana.

Rileva che per ben 9 dei 15  incidenti  non ci sono stati altri veicoli coinvolti, ma si è trattato di fuoriuscite per sbandamento.

In un incidente il conducente si è dato alla fuga. In un sinistro è emerso che il conducente è risultato nell’immediatezza in stato di ebbrezza o sotto l’effetto di stupefacenti (ma alcuni accertamenti vengono approfonditi in seguito).

In questo osservatorio si raccolgono i dati degli incidenti  con  vittime e feriti con il coinvolgimento di almeno un conducente sotto i 40 anni d’età. (ASAPS)


Raddoppiano  anche gli incidenti nelle notti del fine settimana. Cresce il numero delle vittime e soprattutto quello dei feriti. (ASAPS)

 

 

 

Mercoledì, 24 Giugno 2020
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK