Martedì 07 Luglio 2020
area riservata
ASAPS.it su

di Lorenzo Borselli*
Il mestiere del poliziotto ai tempi dei Covid-19
Cosa accade, perché, come comportarsi

“Nonostante tutte le critiche e i pregiudizi di chi vive al di fuori del gruppo, penso che esso non possa mai essere qualcosa di negativo e se a volte percorriamo una strada che non è la nostra a causa dell’influenza che gli amici hanno su di noi, non importa, perché alla fine saremo noi ad accorgerci di aver sbagliato, noi rimedieremo al danno fatto e non loro. Questo è ciò che gli altri non riescono a capire.”
Enrico Brizzi, “Jack Frusciante è uscito dal gruppo”.

 

(ASAPS) Forlì – Nell’immensa quantità di filmati e di contenuti multimediali che si sono propagati nella rete, nel corso della quarantena planetaria, ce ne sono molti che rappresentano lo specchio di una parte della società moderna.
Parliamo degli odiosi video nei quali arroganti paladini della libertà sono andati letteralmente a caccia di agenti per rivendicare il proprio diritto a farsi i cavoli propri, in realtà assimilabili alla categoria di riottosi al rispetto delle regole che, nel pieno dell’emergenza Covid-19, hanno deciso di palesarsi ancora una volta documentando la loro offensiva a quelli che, in prima linea, ci stanno davvero...

>Leggi l'articolo

da iul Centauro n. 230

 

Lunedì, 22 Giugno 2020
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK