Martedì 07 Luglio 2020
area riservata
ASAPS.it su
Altre statistiche 19/06/2020

ETSC: 14 ° Rapporto annuale sulle performance in materia di sicurezza stradale in Europa. Obiettivo 2020 difficilmente sarà raggiunto. Italia al 17° posto nel periodo 2010-2019 con un calo solo del. 23.9%.
I dati provvisori dell’Italia fanno segnare un buon calo del 6,1%. Ma sarà difficile raggiungere l’obiettivo europeo nel 2020 nonostante il lockdown di quasi due mesi.
A cura Ufficio Studi ASAPS su dati ETSC

22.660 persone hanno perso la vita sulle strade dell'UE nel 2019, con una riduzione del 3% rispetto al 2018. Dei 32 paesi monitorati dal programma ETSC Road Safety Performance Index (PIN), 16 paesi hanno visto meno morti per incidenti stradali nel 2019. I risultati migliori sono stati raggiunti dal Lussemburgo con un calo del 39%, dalla Svezia con il 32%, dall'Estonia con il 22% e dalla Svizzera con il 20%. I decessi lungo le strade sono aumentati in 12 paesi, mentre i progressi sono rimasti stagnanti in quattro paesi.

Sebbene siano stati compiuti progressi per un periodo più lungo, non sarà sufficiente per raggiungere l'obiettivo del 2020. Dal 2010, i paesi dell'UE hanno ottenuto una riduzione complessiva dei decessi stradali del 24%, il che equivale ad una riduzione media annua del 2,7%. Nel periodo 2010-2020 era necessaria una riduzione del 6,7% da un anno all'altro per raggiungere l'obiettivo del 2020 attraverso progressi costanti in termini percentuali annuali. Questa riduzione non è stata raggiunta e, con l'obiettivo ormai a solo un anno dal traguardo, è fuori portata. Per raggiungere l'obiettivo, l'UE a 27 dovrebbe ridurre il numero di vittime della strada del 34,5% tra il 2019 e il 2020. Anche se i blocchi imposti in Europa a causa del virus Covid-19 potrebbero portare ad un calo importante del numero delle morti su strada nel 2020, sembra improbabile che i numeri scendano in modo così clamoroso.

21 paesi PIN hanno preparato o iniziato a preparare strategie nazionali per la sicurezza stradale per il prossimo decennio. Gli sforzi a livello nazionale saranno fondamentali per l'attuazione dell'approccio del sistema sicuro in tutta l'UE e per il raggiungimento degli obiettivi per il 2030. Un certo numero di paesi sta già raccogliendo o pianificando di iniziare a raccogliere dati per i nuovi indicatori chiave di prestazione (KPI) dell'UE annunciati dalla Commissione europea in accordo con gli Stati membri. Tuttavia, questi Paesi devono lavorare rapidamente per finalizzare la definizione di alcuni di questi indicatori chiave di performance, nonché stabilire requisiti minimi per le metodologie di raccolta dei dati e introdurre obiettivi di risultato.

Sono necessarie una forte volontà politica e misure urgenti in tutti gli Stati membri dell'UE per ridurre il divario tra i progressi auspicati e quelli effettivi dell'UE.

La stima provvisoria italiana utilizzata (poiché i dati definitivi saranno comunicati nel prossimo mese di luglio da Aci e Istat) comunicata dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per l'anno 2019  indica in 3.130 il numero dei decessi sulle strade, con un buon  calo del 6.1% rispetto al 2018, quando furono 3.334. Sono 52 i morti per milione di abitanti, mentre nel 2010 erano 70 i decessi per milione di abitanti. Tra il 2001 e il 2019 il calo dei morti sulle strade italiane è stato del 55.9%. Ma il dato più insoddisfacente riguarda il periodo 2010-2019 dove l'Italia ha fatto segnare un calo solo del 23.9%, al 17° posto in Europa, nella classifica dove in testa c'è la Norvegia con una riduzione del 48.6%.

>IN ALLEGATO IL RAPPORTO ETSC


Ecco le anticipazioni dell’ETSC sulla sinistrosità in Europa nel 2019. (ASAPS)

 

Venerdì, 19 Giugno 2020
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK