Giovedì 24 Settembre 2020
area riservata
ASAPS.it su

Ubriaco e contromano travolse e uccise uno scooterista: condannato a 14 anni

Emessa oggi la sentenza nei riguardi del 38enne accusato di aver provocato il terribile incidente avvenuto l’11 dicembre del 2017, su viale Marche, a Lecce, in cui perse la vita un uomo di 60 anni
Il drammatico incidente avvenuto a Lecce l'11 dicembre 2017

 

LECCE -E’ di 14 anni di reclusione il verdetto emesso nei riguardi di Marin Traykov, il 38enne di origini bulgare accusato di aver provocato, sotto i fumi dell’alcol, il terribile incidente stradale nel quale perse la vita a 60 anni Albino Saracino, impiegato leccese presso la Dogre srl, e rimase gravemente ferito il figlio, all’epoca dei fatti 17enne.

Nel dispositivo letto oggi dal giudice Francesca Mariano, al quale la pubblica accusa aveva chiesto una condanna a 9 anni, è stato riconosciuto anche il risarcimento del danno, in separata sede, proprio al figlio, parte civile con l’avvocato Angelo Benedetto.

Si chiude così il processo di primo grado scaturito dall’incidente avvenuto l’11 dicembre del 2017, intorno alle 6, su viale Marche, nei pressi della Questura e dell’istituto scolastico superiore “Antonietta De Pace”: Traykov era al volante di una Bmw, quando travolse lo scooter, un Piaggio, con il quale la vittima avrebbe dovuto accompagnare in stazione il ragazzo. L’impatto fu fatale: Saracino morì sul colpo, mentre il congiunto finì nel reparto di Rianimazioni in condizioni gravissime.

In seguito agli accertamenti svolti dagli agenti della Polstrada, giunti sul posto per i rilievi del caso, e secondo i quali l’automobilista viaggiava contromano e con un tasso alcolemico cinque volte superiore alla soglia consentita, su disposizione del magistrato di turno, il 38enne fu poi accompagnato nel carcere di “Borgo San Nicola” con l’accusa di omicidio stradale.

 

di Veronica Valente

da lecceprima.it

 


Condanna esemplare del conducente ubriaco grazie alla legge sull’Omicidio stradale!! Il PM aveva chiesto la condanna a 9 anni. Prima della legge 41 questo conducente se la sarebbe cavata con i soliti 3 anni scarsi. (ASAPS)

 

Giovedì, 21 Maggio 2020
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK