Lunedì 25 Maggio 2020
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 18/05/2020

Monopattini elettrici, a Torino la metà degli incidenti avvenuti in Italia (e gli unici due gravi)

Con la riapertura nuovo aumento

In dieci mesi, da giugno 2019, quando è iniziata la loro sperimentazione su strada, ad aprile 2020, sono stati 15 gli incidenti stradali in Italia che hanno visto coinvolti monopattini elettrici e che sono stati rilevati dalla polizia locale. Di questi poco meno di metà, sette, sono avvenuti a Torino (l'ultimo è stato quello del 21 aprile in corso Lecce).

I dati sono stati presentati ieri, domenica 17 maggio 2020, dall'Osservatorio monopattini istituito dall'Associazione sostenitori e amici polizia stradale. Torino, è anche la città che ha più monopattini elettrici in condivisione, circa 3.500 gestiti da varie società. Sempre nella nostra città si sono verificati i soli due casi in cui il monopattinista è stato ricoverato in ospedale con prognosi riservata (il già citato incidente di corso Lecce e quello avvenuto in via Borsellino il 6 dicembre).

Dallo scorso 1 marzo i monopattini sono stati equiparati ai velocipedi e sono diventati veicoli a tutti gli effetti, con specifici obblighi da parte degli utilizzatori. "I nuovi mezzi di micromobilità elettrica cambieranno il volto di molte città dal punto di vista viabilistico - afferma il presidente Asaps, Giordano Biserni - ma se non si comprenderà da subito che vanno condotti con la massima attenzione e con la stretta osservanza del codice della strada, assisteremo ad una recrudescenza del numero di incidenti. I contributi economici governativi per gli acquisti di veicoli e l'introduzione della 'casa avanzata' e della 'corsia ciclabile' (come i controviali che sta predisponendo il Comune, ndr) con il decreto-legge Rilancio porteranno ad un maggior utilizzo dei monopattini e dei mezzi a due ruote, con un possibile aumento dei sinistri con utenti deboli".

da torinotoday.it

 

 

 

Raccolta fondi targata Fondazione ASAPS
Noi ci siamo, e tu?

 

Lunedì, 18 Maggio 2020
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK