Giovedì 28 Maggio 2020
area riservata
ASAPS.it su
Articoli 13/05/2020

POLIZIA LOCALE: DIFFERIMENTO RENDICONTAZIONE SANZIONI AL CODICE DELLA STRADA
a cura Ufficio Studi ASAPS

A tre settimane dalla scadenza ufficiale prevista per il 31 maggio, il Ministero dell'Interno - Dipartimento degli Affari Interni e Territoriali ha pubblicato un avviso che deroga al 30 settembre la rendicontazione delle sanzioni al Codice della Strada per gli Enti Locali. Nel comunicato dell'11 maggio 2020 si legge che "la proceduta telematica per l’invio da parte degli enti locali della relazione illustrativa riguardante i proventi per sanzioni derivanti dall’uso di mezzi meccanici di controllo delle violazioni delle norme di comportamento e la loro utilizzazione previsti dall’articolo 142, comma 12-quater del D.Lgs. n.285 del 1992 è stata definita ed è tecnicamente operativa.
Tuttavia, in considerazione delle recenti esigenze emergenziali originate da covid-19 che hanno comportato un maggiore impegno degli enti locali direttamente coinvolti in tutte le funzioni sanitarie collegate, il Ministero dell’Interno e il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, sentito la Conferenza Stato-città, hanno ritenuto opportuno avvalersi della possibilità prevista dal Decreto interministeriale n.608 del 30 dicembre 2019 che, all’art.2, comma 4, consente, in via di prima applicazione, l’invio della relazione illustrativa entro il mese di settembre 2020 anziché nel mese di maggio come stabilito dal citato decreto legislativo. Le istruzione operative inerenti l’utilizzazione della nuova procedura telematica saranno fornite con apposita Circolare del Ministero dell’Interno in tempo utile affinché gli enti locali possano adeguatamente operare con il nuovo sistema informatico.

Come noto, lo scorso 20 febbraio, fu pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale il Decreto 30 dicembre 2019 MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DECRETO di concerto con IL MINISTERO DELL'INTERNO "Disposizioni in materia di destinazione dei proventi delle sanzioni a seguito dell’accertamento delle violazioni dei limiti di velocità", dopo quasi un decennio dalla legge nr. 120/2010 che aveva previsto l'obbligo per gli Enti Locali di indicare con tanto di relazione illustrativa quali fossero stati gli interventi effettuati con le risorse economiche derivanti dai proventi delle sanzioni al Codice della Strada. I ritardi erano stati al centro di aspre polemiche, anche per la mancata realizzazione della piattaforma informatica in cui inserire i dati "trasparenti". Ora si apprende che la piattaforma è attiva (e a breve arriverà anche una circolare per spiegare le modalità di inserimento) ma che per l'emergenza "Covid-19" e il maggior impegno degli enti locali, si potrà differire di quattro mesi.

 

 

Mercoledì, 13 Maggio 2020
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK