Venerdì 25 Settembre 2020
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 31/03/2020

Coronavirus. Staffetta della Polizia per poter certificare la maschera ideata dalla Siropack

Grazie al generoso intervento di donne e uomini della stessa Amministrazione, hanno lavorato assieme due compartimenti della Polizia Stradale, quello della Lombardia e quello dell’Emilia-Romagna, per il trasporto urgente da Varese a Cesenatico di componenti indispensabili

Rocco De Lucia non perde tempo. La maschera da lui ideata, la “C-Voice Mask” presentata solo tre giorni fa, viene molto richiesta dagli ospedali sotto pressione per il contagio da Coronvirus. Con il congegno predisposto dalla Siropack di Cesenatico in collaborazione con il dipartimento di ingegneria industriale dell’università di Bologna, sede di Forlì, si riescono a superare le barriere che i dispositivi di sicurezza creano tra paziente e personale e tra i medici stessi. Grazie all’altoparlante studiato assieme al laboratorio di Odo Lelli, la comunicazione viene resa possibile e il confort migliora per tutti. Una creazione preziosa e utilissima in un periodo così difficile come quello che stiamo vivendo condizionato dal Covid-19.

Per ottenere la certificazione sanitaria in modo che la Mask possa essere utilizzata all’interno dei reparti Coronavirus, l’imprenditore di Cesenatico, che sta facendo tutto questo senza scopi di lucro, ha necessità di utilizzare dei materiali ad hoc per il filtro prodotti da un’azienda di Varese.

Viste le limitazioni in corso per i trasporti, questa mattina è partita una staffetta organizzata dalla Polizia di Stato che, grazie al generoso intervento di donne e uomini della stessa Amministrazione, ha messo insieme due compartimenti della Polizia Stradale, quello della Lombardia e quello dell’Emilia-Romagna. Il il trasporto è in atto dalla Farè Spa di Fagnano Olona in provincia di Varese, fino a Bagnarola di Cesenatico dove ha sede la Siropack dei coniugi Barbara e Rocco De Lucia.

Si è messa in moto in pochissime ore una preziosa catena di solidarietà. E’ stata possibile grazie alla sensibilità di tanti, anche tra le istituzioni. In questo modo, in tempi brevissimi, si potrebbe dotare il personale sanitario di diversi ospedali di uno strumento in grado di alleviare la sofferenza dell’isolamento, già pesante da vivere per molti contagiati da Coronavirus.

da corrierecesenate.it


Speriamo che questo nuovo sistema difensivo per i sanitari su rilevi utile ed efficace. (ASAPS)

Martedì, 31 Marzo 2020
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK