Lunedì 25 Maggio 2020
area riservata
ASAPS.it su
Singoli Quesiti 27/03/2020

 Veicolo già sequestrato per violazione art. 193 CdS rintracciato su strada senza copertura assicurativa: come agire?

Buongiorno, vi pongo questo quesito: viene trovato in sosta un veicolo privo di copertura assicurativa, si procede alla contestazione dell'articolo 193 ed al relativo sequestro del veicolo contestando il tutto al proprietario nominandolo custode. Un mese dopo troviamo la stessa auto in sosta, senza copertura assicurativa, si rimuove il veicolo e si contesta al proprietario custode la sanzione prevista dall'art. 213/8 comma inviando tutto in Prefettura per la revoca della patente. La Prefettura ci manda la seguente interpretazione: "A tal proposito la circolare ministeriale n. 300/A/559/19/101/20/21/4 del 21/01/2019, inviata a tutti i comuni in data 24 gennaio u.s. da parte di questa prefettura, specifica a pagina 32, 3^ capoverso: Si ritiene, infatti, che la sanzione accessoria della revoca della patente, possa essere disposta solo nel caso in cui sia lo stesso custode a circolare abusivamente con veicolo sottoposto a sequestro o a fermo amministrativo. Infatti, se non c’è stata circolazione da parte di questi non si ravvisano gli estremi dell’abuso del titolo di guida che giustificano l’applicazione di una sanzione accessoria riguardante la patente? Pertanto alla luce di quanto sopra specificato, nel caso in oggetto, non essendo stato trovato alla guida il custode (prova ne è la mancata contestazione immediata nonché la dichiarazione di aver trovato il veicolo in sosta), si ritengono applicabili sia la sanzione amministrativa che la confisca del veicolo, mentre non potrà vedere esecuzione la sanzione accessoria della revoca della patente." E' regolare quanto comunicato dalla Prefettura visto che l'art. 213/8 parla circolazione o consentire ad altri la circolazione del veicolo in custodia? E che prevede la sanzione della revoca della patente per il custode? La sosta è sempre stata considerata una fase della circolazione.

email-Ponte San Nicolò (Pd)

***

(ASAPS) Chi pone il quesito probabilmente confonde la "circolazione" con la "guida/conducente".
Nulla di nuovo sul concetto di circolazione che, ai sensi dell'art. 3/1 CdS è il movimento, la sosta e la fermata dei veicoli.
Per quanto concerne però gli articoli del codice della strada che prevedono decurtazione di punti oppure altre sanzioni accessorie sul titolo di guida, è necessario individuare, con intimazione, a seconda dei casi, ex articolo 126-bis o 180/8, chi si trovasse alla guida.
E così, con la stessa procedura prevista per altre violazioni che prevedono decurtazione punti:
- per la prima violazione ex art. 193 cds, non avendo idenfiticato il trasgressore, è necessaria intimazione ex art. 126/bis per la prevista decurtazione di punti 5 oppure, in caso di inottemperanza all'intimazione, di violazione prevista dallo stesso art. 126-bis
- per la seconda violazione descritta in quesito, due sono le procedure per le due diverse violazion accertate
1 ART. 193 CDS - stessa procedura descritta nel punto precedente

2 ART. 213/8 con affidamento immediato del veicolo al custode acquirente. Se a seguito dell'intimazione di cui al punto 1 si accerta il conducente, lo si segnala alla Prefettura per la revoca solamente se corrisponde al custode.
In ogni caso occorre verbalizzare la sanzione pecuniaria per il 213/8 ed in particolare:
- per aver consentito al conducente signor............di circolare (a carico del custode diverso dal conducente senza sanzione accessoria della revoca)
- oppure per avere, quale custode, circolato........ (a carico del custode/conducente con sanzione accessoria della revoca della patente di guida) (ASAPS)

Venerdì, 27 Marzo 2020
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK