Lunedì 24 Febbraio 2020
area riservata
ASAPS.it su

Avezzano, sasso dal cavalcavia: paura per gli attori Fresi e Benvenuti
L’auto centrata dal lancio mentre transitava sotto ad un cavalcavia della A24. Dopo aver sfondato il parabrezza la pietra è finita nell’abitacolo
(NdR: Purtroppo assistiamo ad un certo risveglio degli incoscienti che lanciano sassi. L’Osservatorio ASAPS nei soli primi 11 mesi del 2019 ha registrato 113 episodi, 2 avvenuti sulla rete autostradale e 113 su quella ordinaria nei quali purtroppo non si sono contati solo danni ai veicoli ma anche 12 feriti. Le forze di polizia hanno arrestato 8 maggiorenni e 11 sono stati fermati. I minorenni arrestati o fermati sono stati invece 25. 19 gli episodi avvenuti sulla rete stradale del nord, 43 al centro e 51 al sud.)

Stefano Fresi e Alessandro Benvenuti

Un sasso lanciato da un cavalcavia. Un parabrezza andato in frantumi. Solo per un caso i due automobilisti — due attori assai noti, Alessandro Benvenuti e Stefano Fresi: il primo, 70 anni, è stato storico componente dei Giancattivi; il secondo è uno dei volti cult di «Romanzo criminale» — non hanno riportato ferite. È successo nella notte di domenica 9 febbraio sull’autostrada A24, all’altezza di Avezzano. La notizia è stata data dal quotidiano il Centro. Il bilancio alla fine è solo quello di un grosso spavento. Benvenuti e Fresi hanno raccontato poi agli agenti della Polizia Stradale di Pratola e ai carabinieri che il parabrezza ha attutito l’impatto e la pietra è infine caduta sulle gambe dei due passeggeri investiti dai vetri senza però rimanere feriti.

 

Fresi: «Ho mantenuto il controllo dell’auto solo per miracolo»

Fresi racconta che solo per un «miracolo sono riuscito a mantenere il controllo dell’auto, il sasso ha bucato il parabrezza e i vetri hanno investito Alessandro che era seduto al posto del passeggero e aveva la cintura allacciata, per fortuna non abbiamo riportato ferite ma lo spavento è stato davvero tanto».

Il parabrezza distrutto

Il parabrezza distrutto

Lo spettacolo

Gli attori erano di ritorno da Gessopalena (è ancora la cronaca del Centro, a firma Pietro Guida) dove erano andati in scena al teatro comunale con lo spettacolo «Don Chisci@tte». Dopo che l’auto è stata colpita dalla pietra lanciata dagli sconosciuti, la coppia di attori ha raggiunto la vicina stazione di servizio Montevelino Nord, nel comune di Magliano dei Marsi (L’Aquila). E da qui sono stati chiamati i soccorsi.

 

Il sindaco: «Non sono feriti»

«Da quello che so non sono feriti» racconta a Corriere.it il sindaco del borgo Mario Zulli che domenica sera ha visto lo spettacolo, salutando poi i due artisti «davvero bravi» che al termine hanno lasciato il borgo abruzzese per dirigersi verso la Capitale.

 

Chi sono i due attori

Benvenuti, fiorentino di Pelago, è un pezzo grande così del nostro cinema. Cabarettista, sceneggiatore, regista: dopo aver lavorato con Athina Cenci e Francesco Nuti nei Giancattivi, comparendo in trasmissioni cult tipo «Non Stop», ha interpretato e diretto decine di film. Citiamone due: «Ivo il tardivo»», malinconica e divertente commedia che vede protagonista un malato mentale, e «Compagni di scuola» in cui interpretava il personaggio di (quello delle burle pesanti) di Lino Santolamazza. Stefano Fresi, romano, è diventato un volto celebre dopo «Romanzo Criminale» — era «il Secco» — e poi le sue interpretazioni si sono moltiplicate, sempre all’insegna della qualità: da «Smetto quando voglio» a «Figli», al cinema in questi giorni.

di Alessandro Fulloni
da corriere.it

Martedì, 11 Febbraio 2020
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK