Martedì 29 Settembre 2020
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 05/02/2020

Bravi agli esami della patente ma più incidenti. Il paradosso stradale
da corriere.it

Spesso nelle province virtuose per numero di promossi si hanno maggiori danni e feriti Distrazione, scarso senso civico

Si potrebbe definire il paradosso dei «bravi» guidatori. Infatti, in Italia, alle province con più promossi all’esame pratico di guida, quindi in teoria più abili al volante, fa da contraltare un’incidenza dei sinistri, con almeno un ferito, superiore alla media del Paese. Secondo un rapporto della Direzione generale per la Motorizzazione, al primo posto nella classifica di quelle più «virtuose» c’è la Città metropolitana di Messina: solo l’1,03 per cento dei candidati è stato bocciato alla prova pratica mentre la media nazionale è del 12,4%. Però se si guardano i dati, pubblicati dall’Associazione nazionale delle imprese assicuratrici, sugli incidenti stradali nel Messinese con almeno un ferito, la percentuale è di 8,4 punti superiore alla media italiana (24% contro 15,6%). È la decima provincia con più scontri. Stesso discorso per le altre quattro province che seguono in classifica. A Foggia i respinti sono l’1,06% ma la percentuale degli incidenti è del 26,9% (quarta peggiore provincia d’Italia). A Lecce all’1,06% si contrappone il 24,8% (sesta); a Potenza all’1,45% fa eco il 16,5% mentre a Enna all’1,9% si registra il 18,1%.

Scatola nera

«Abbiamo per primi sottolineato questo paradosso — spiega Giordano Biserni, presidente dell’Asaps — e questi dati devono far riflettere: dove avvengono più incidenti con feriti ci dovrebbero essere i guidatori meno capaci e non viceversa». Biserni lancia delle proposte. «Il ministero dei Trasporti dovrebbe insistere nel far installare una “scatola nera” nelle auto usate per le prove di guida e una telecamera interna per certificare l’abilità del guidatore a futura memoria. Però, è da dire che spesso i candidati sono impeccabili all’esame e, intascata la patente, diventano campioni di distrazione: chattano, telefonano al volante, non usano le frecce. Si adeguano al basso senso di educazione civica che regna sulle strade». Senza considerare l’alcol o le manovre e i comportamenti a rischio. Tornando agli esami, nel 2018, in Italia hanno superato la pratica l’87,56 per cento dei candidati. Con punte di bocciature record a Cagliari (37,9%) e Genova (35,5%). Invece hanno passato i quiz il 67,4% ma le bocciature erano più omogenee nel Paese.

Videocontrollo

«Eppure l’esame di guida dovrebbe essere più difficile, viste le tante variabili che si incontrano sulla strada — afferma Luigi Altamura, responsabile delle polizie locali dell’Anci e comandante dei Vigili di Verona — ma la verità è che la Motorizzazione ha investito sull’informatica e sul videocontrollo limitando le interferenze dell’uomo. L’esame è più obiettivo da Aosta a Ragusa. Ciò non è avvenuto per la parte pratica, dove la soggettività dell’esaminatore è alta e l’uniformità delle modalità d’esame difficile da applicare». C’è di più. « Varie inchieste della magistratura, a cui abbiamo collaborato hanno svelato l’esistenza di bande criminali che sostituivano i candidati o con documenti falsi o inviando dei sosia. Bisogna alzare l’asticella perché un patentato impreparato sulla strada è un rischio per tutti», conclude Altamura. All’Unione nazionale autoscuole (Unasca) il paradosso è noto. «Sono vere un po’ tutte le problematiche — dice il segretario Emilio Patella — e il ministero dei Trasporti deve lavorare per uniformare l’esame ovunque e puntare su una formazione continua degli esaminatori. Anche la “scatola nera” va in questo senso. Abbiamo proposto al Mit, di fare una parte di guida senza esaminatore e istruttore a bordo: simulerebbe di più la condizione reale di guida. Certo, la strada è ancora lunga». Speriamo non troppo.

>Leggi l'articolo su corriere.it




>Sandro Vedovi*
Perché nelle provincie con i guidatori più preparati abbiamo il maggior numero
di incidenti? Le statistiche ci dicono che qualche cosa non torna

da il Centauro n. 225

 

 


Una indagine del Corriere della Sera nata da un articolo pubblicato su il Centauro n.225. (ASAPS)
«Abbiamo per primi sottolineato questo paradosso — spiega Giordano Biserni, presidente dell’Asaps — e questi dati devono far riflettere: dove avvengono più incidenti con feriti ci dovrebbero essere i guidatori meno capaci e non viceversa». Biserni lancia delle proposte. «Il ministero dei Trasporti dovrebbe insistere nel far installare una “scatola nera” nelle auto usate per le prove di guida e una telecamera interna per certificare l’abilità del guidatore a futura memoria. Però, è da dire che spesso i candidati sono impeccabili all’esame e, intascata la patente, diventano campioni di distrazione: chattano, telefonano al volante, non usano le frecce. Si adeguano al basso senso di educazione civica che regna sulle strade».

Mercoledì, 05 Febbraio 2020
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK