Lunedì 24 Febbraio 2020
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 31/01/2020

Carabiniere travolto e ucciso a Terno L’Arma parte civile? Lo Stato dice no

Emanuele Anzini morì a giugno 2019 durante un posto di blocco. L’avvocatura di Brescia ha rigettato la richiesta. «Siamo pochi ed è un omicidio colposo, altre le strade». Storoni: «No comment»
Il punto in cui venne investito l’appuntato dei carabinieri lo scorso giugno

L’Arma dei carabinieri ha chiesto di potersi costituire parte civile al processo per la morte dell’appuntato Emanuele Anzini, travolto e ucciso a un posto di blocco a Terno d’Isola lo scorso agosto, ma dall’avvocatura di Stato è arrivato un secco diniego alla richiesta. Il caso – destinato a sollevare un polverone – vede da un lato l’Arma, che ha perso un proprio carabiniere di soli 42 anni mentre svolgeva il proprio dovere e che, per questo, aveva formalmente chiesto di poter ottenere un risarcimento tramite la formula della costituzione di parte civile: un atto tanto simbolico quanto concreto, voluto dal comando provinciale dei carabinieri...

>Leggi l'articolo su ecodibergamo.it

 

>A BERGAMO  L’ASAPS AFFIANCHERA’ L’ACCUSA NEL PROCESSO PER L’OMICIDIO STRADALE
DEL CARABINIERE INVESTITO DURANTE UN POSTO DI CONTROLLO


Ma l’ASAPS ha detto sì!
Si è costituita ed è stata ammessa! ASAPS l’associazione sempre al fianco delle vittime e  di chi dalla parte giusta si occupa di sicurezza, spesso pagando con la vita!

Venerdì, 31 Gennaio 2020
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK