Lunedì 06 Aprile 2020
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 23/01/2020

Peste suina, sequestrate 9,5 tonnellate di carne cinese (subito incenerita)

Il blitz della Guardia di finanza di Padova in un magazzino all’ingrosso di alimentari: «Erano altamente pericolose»

Un carico di carne suina, di origine cinese, era riuscito ad arrivare in Veneto violando le norme doganali e sanitarie; ma la Guardia di Finanza di Padova, in collaborazione con il servizio veterinario e del Servizio igiene, alimenti e nutrizione (Sian), l’ha scovato e sequestrato (e quindi incenerito). Così sono finiti sotto i sigilli 9.420 chili «per pericolo di contaminazione della peste suina africana» (malattia che colpisce suini e cinghiali e non è trasmissibile agli esseri umani). Inoltre, è stata sequestrata anche l’attività commerciale «per gravi e reiterate irregolarità».

L’indagine

L’inchiesta delle fiamme gialle è nata dall’analisi dei flussi di importazione delle merci, specialmente quelle alimentari, dalla Cina. Sono stati mappati e monitorati periodicamente alcuni esercizi commerciali nella zona industriale patavina. Una di queste, gestita da una persona di origine cinese, era diventata, in brevissimo tempo, una delle maggiori a livello regionale nelle forniture all’ingrosso di prodotti etnici destinati alla ristorazione orientale. Così, i finanzieri si sono messi sulle tracce di un container che formalmente trasportava solo generi alimentari di origine vegetale. Al momento di scaricarlo, i Baschi Verdi hanno notato che «i numerosi bancali di generi alimentari accatastati nei pressi del capannone in uso all’azienda ispezionata erano stati lasciati per lungo tempo nell’antistante piazzale, in prossimità di un consistente ammasso di rifiuti, con conseguente pericolo per la salubrità degli alimenti in ragione delle precarie condizioni igienico-sanitarie».

>VIDEO

Gli scaricatori

In più tre dei quattro scaricatori, di origine bengalese, sono risultati in «nero». Avvertita l’Ulss, sono state constate numerose altre violazioni: tutte le derrate erano state stoccate nel container provocando un’interruzione della «catena del freddo» per cui sono stati sequestrati tutti i 23mila chili di prodotti vegetali. Poi, i finanzieri, hanno capito che i prodotti di origine vegetale altro non erano «che un carico di copertura per celare l’importazione illegale di carne suina». Secondo la guardia di finanza «si trattava di 9.420 chili di carni suine provenienti dalla Cina, altamente pericolose per il grave rischio di contaminazione dovuto alla peste suina africana (ASF- African Swine Fever), malattia virale che ha devastato le mandrie di maiali di diversi Paesi e che imperversa soprattutto negli allevamenti del continente asiatico».

 

Il «capodanno cinese»

Un carico da dieci tonnellate che per i finanzieri si giustifica «con l’approssimarsi dei festeggiamenti del Capodanno cinese, le carni suine sono particolarmente richieste dagli immigrati, che le acquistano a prezzi inferiori incuranti delle potenziali conseguenze per la salute». Dopo l’ok del ministero della Salute, però, tutto il quantitativo è stato immediatamente distrutto e l’imprenditore cinese è stato deferito alla Procura della Repubblica di Padova per i reati di commercio di sostanze alimentari nocive , diffusione di malattie delle piante o degli animali, contrabbando e per violazione della disciplina igienica della produzione e della vendita delle sostanze alimentari e delle bevande. Il Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Padova, su proposta della procura, ha disposto il sequestro preventivo dell’attività commerciale, subito eseguito dai «Baschi verdi». Inoltre, sono scattate anche le sanzioni doganali perché le carni suine erano state acquistate in contrabbando perché – sdoganate a Rotterdam – sono state importate nel territorio dell’Unione Europea senza pagare i dazi doganali e l’Iva.

Le reazioni

Durissima Coldiretti che è la maggiore associazione di rappresentanza e assistenza dell’agricoltura italiana.«La peste suina africana è una malattia virale contagiosa che colpisce suini e cinghiali. Il virus può essere trasmesso facilmente da un animale all’altro attraverso stretti contatti tra individui, o con attrezzature contaminate (camion e mezzi con cui vengono trasportati gli animali, stivali, ecc.) o attraverso resti di cibo che trasportano il virus e abbandonati dall’uomo. Considerata dunque la facilità di trasmissione il rischio che il contagio possa essere esteso agli allevamenti italiani rappresenterebbe un gravissimo danno». La Confederazione punta l’indice sul sistema di etichettatura. «Serve dare immediatamente il via libera all’obbligo dell’etichettatura d’origine sui derivati della carne suina per garantire la trasparenza e la rintracciabilità di fronte agli allarmi sanitari che si moltiplicano con la globalizzazione degli scambi». L’associazione che gli agricoltori va oltre. «Sotto accusa c’è il sistema di controllo dell’Unione Europea con frontiere colabrodo che hanno lasciato passare materiale pericoloso ai confini olandesi — ha detto il presidente Ettore Prandini, nel sollecitare l’entrata in vigore del decreto che introduce l’indicazione della provenienza per le carni suine trasformate dopo l’intesa raggiunta in Conferenza-Stato Regioni — ma anche i ritardi a livello nazionale causati da una burocrazia che non comprende l’urgenza di tracciare gli alimenti che arrivano ai consumatori in una situazione in cui l’Italia importa ogni anno dall’estero circa 1 miliardo di chili di carni suine fresche e congelate».

 

Il governatore

Il presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia è netto. «Ancora una volta assistiamo all’intollerabile: cibi pericolosi destinati alle nostre tavole, con rischi per la nostra salute e danni per il lavoro dei nostri imprenditori. Per fortuna le Fiamme Gialle di Padova sono intervenute, dimostrando che non bisogna mai abbassare la guardia». Zaia, tra l’altro ex ministro dell’Agricoltura, aggiunge; «Chi pensa di arricchirsi sulla pelle dei veneti deve essere punito. Esprimo i miei complimenti alla Guardia di Finanza: hanno dimostrato di essere veramente degli angeli custodi, come tutte le forze dell’ordine che operano a tutela dei cittadini. È ora di finirla, infatti, con l’arrivo nella nostra regione di cibi contraffatti e pericolosi; non va lasciato campo libero a questi trafficanti».

 

Gli altri controlli

Intanto la guardia di finanza continua con i controlli e hanno eseguito altre tre verifiche presso due clienti della ditta sequestrata e presso un «rivale» per controllare l’eventuale presenza di altri lotti di carne suina illecitamente importati. Così, sono state sequestrati altri 200 chili di generi alimentari (animali e vegetali) conservati in condizioni igieniche non corrette mentre sono in corso altre verifiche sullo stoccaggio e sullo smaltimento dei rifiuti.

da corriere.it

 


Grazie Fiamme Gialle per la tutela della nostra salute. (ASAPS)

Giovedì, 23 Gennaio 2020
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK