Venerdì 21 Febbraio 2020
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 23/01/2020

Multe ai pedoni "rapiti" dal cellulare, a Sassari è un successo: meno incidenti

La campagna contro chi cammina in strada distrattamente nella città sarda è iniziata dal 2018: da allora centinaia di sanzioni e una drastica riduzione di sinistri causata dagli "smombie"

La "lotta" agli smombie, da smartphone e zombie, a Sassari  è iniziata due anni fa: dal 2018 il capoluogo sardo ha seguito la scia di molte città del mondo (da New York a Honolulu) per limitare i danni dei pedoni che camminano in strada troppo distratti dal cellulare. Ad oggi, quelle misure si sono rilevate un successo: 150 contravvenzioni il primo anno, 134 nel 2019 con una drastica riduzione del numero di incidenti.  "Il nostro obiettivo non è sanzionare - spiega il comandante della polizia Municipale di Sassari, Gianni Serra - ma educare".

Del resto, recentemente, l'Istat ha stabilito che tra le cause che determinano gli incidenti stradali e la morte dei pedoni la distrazione è una delle principali.  Distrazione spesso dovuta alla impossibilità di staccare gli occhi dallo smartphone o dalle cuffiette che impediscono di sentire i rumori della strada.

 "Accertata la corresponsabilità dei pedoni - spiega Serra a "La Stampa", decidiamo che è ora di cambiare e partiamo con una campagna di informazione che coinvolge scuole e piazze per sensibilizzare i pedoni. Perché se è vero che la stragrande maggioranza degli incidenti anche gravi è dovuta alla distrazione degli automobilisti per l' uso del telefonino, lo stesso si può dire per chi attraversa la strada mettendo a rischio la propria vita e quella altrui perché del tutto inconsapevole dei rischi che corre".

 E ad oggi quella visione ha dato i suoi frutti: non resta che aspettare che l' esempio di Sassari abbia un seguito nel nuovo codice della strada, ora in commissione al Senato.

da tgcom24.mediaset.it

 

 

Giovedì, 23 Gennaio 2020
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK