Lunedì 30 Marzo 2020
area riservata
ASAPS.it su
Articoli 23/12/2019

di Lorenzo Borselli*
Se “il conducente si ferma a prestare soccorso…”: un parere sociologico dell’ASAPS…

Il luogo dell'incidente - Foto adnkronos

(ASAPS) ROMA, 22 dicembre 2019 – La notizia, tragica, di Roma, dove due ragazze sedicenni sono state travolte e uccise da un’auto, è già di per sé sufficientemente tremenda. Tuttavia, cercando di lasciare da parte quella piccola parte di cinismo che ormai ci pervade e che riteniamo giustificabile, visto il nostro quotidiano lavoro di ricerca, di analisi e di interpretazione dei numeri della violenza stradale, non possiamo fare a meno di notare che negli articoli di stampa che raccontano la vicenda, quasi tutti i giornalisti precisano che il conducente si è fermato a prestare soccorso. Questo vale per l’evento di ponte Milvio, dove lo schianto ha fermato la vita di Gaia e Camilla, per l’altro incidente che poco dopo, sempre a Roma, in via Marco Polo, ha visto morire un 24enne, e per i tanti eventi letali che quotidianamente i media ci riportano. Non è una critica, ci mancherebbe. È una constatazione: è la conferma che nella mentalità corrente non è tanto l’incidente stradale, quanto il contorno, a costituire la corposità di una notizia. Se l’investitore fosse fuggito, uno sdegno collettivo avrebbe facilmente superato l’angoscia, sentimento questo che, invece, collettivo non lo è mai stato in tema di morti sulla strada. L’angoscia, e il dolore, restano un fatto privato dei parenti e degli amici. Finché non scatterà un diverso meccanismo, purtroppo, continueremo a scorrere le righe della cronaca senza immedesimarci nel fatto, pensando che, in fondo, sono cose che capitano (ovviamente, agli altri). (ASAPS)

 

* Ispettore della Polizia di Stato,
responsabile nazionale comunicazione di ASAPS


Evidenziare negli articoli di stampa che il conducente “si è fermato a prestare soccorso” cioè che ha fatto semplicemente il suo dovere, è già un elemento che dovrebbe far riflettere su una situazione preoccupante che si vive sulle strade. (ASAPS)

 

 

Lunedì, 23 Dicembre 2019
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK