Venerdì 06 Dicembre 2019
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 03/12/2019

Agenzia AGI
Dl fisco: ASAPS, rinvio multe seggiolini salva bebè  soluzione logica

(AGI) - Roma, 2 dic. - "Noi come Asaps eravamo stati i primi a chiederlo. E quindi non possiamo che esprimere soddisfazione per il rinvio al 6 marzo delle multe per chi non si adegua alle nuove norme sui sistemi antiabbandono in auto per i bambini: era la soluzione piu' logica". Giordano Biserni, presidente dell'Associazione amici sostenitori polizia stradale, accoglie con favore l'emendamento al decreto fiscale collegato alla manovra approvato dalla commissione Finanze della Camera.
"Fare scattare le multe (da 81 a 326 euro, più  cinque punti in meno sulla patente, ndr) dal 7 novembre, con l'entrata in vigore dell'obbligo - spiega Biserni all'AGI - avrebbe creato gravi difficoltà alle famiglie, che avrebbero fatto fatica a dotarsi per tempo dei dispositivi di allarme, e alle stesse forze di polizia chiamate ad applicare le sanzioni. Questo intervallo di tempo consentirà di chiarire le modalità  di accesso per le famiglie al rimborso e metterà i produttori in grado di fornire un adeguato numero di sistemi di allarme: tra l'altro siamo alla vigilia dell'inverno e ovviamente in questa fase non esiste più il rischio calore".
Con l'emendamento al decreto fiscale sale anche - da uno a 5 milioni - lo stanziamento previsto nel 2020 per le agevolazioni all'acquisto sotto forma di credito di imposta: "anche questa è una novità positiva - sottolinea Biserni - Con il rimborso fissato a 30 euro, il numero di famiglie beneficiarie per il prossimo anno sale da 33 mila a più di 160 mila". Considerato che con i 15 milioni di fondi 2019 si possono soddisfare 503 mila famiglie e che i bambini tra 0 e 4 anni sono un milione e 800 mila, si resta lontani da una copertura totale ma si tratta comunque di "un aumento significativo", sottolinea il presidente dell'Asaps. (AGI)


Ecco che poi è andata a finire come L'ASAPS aveva  auspicato e  previsto nonostante che in molti avessero criticato (anche a livello ufficiale)  la nostra indicazione del 6 marzo 2020 come termine ultimo con la concessione dei previsti 120 giorni  per l'applicazione della legge e non il 7 novembre 2019, e infatti per fortuna come al solito ha prevalso la logica. Bastava cercarla un po' prima senza mettere in difficoltà le famiglie che non sapevano dove trovare i sistemi di allarme dei seggiolini e le forze di polizia che "dovevano" da subito applicare la legge.  (ASAPS)

Martedì, 03 Dicembre 2019
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK