Sabato 14 Dicembre 2019
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 06/11/2019

Caos a Chiavenna, prima sparano all'autovelox poi minacciano di morte il sindaco

«Ci vorrebbe una bella schioppettata anche per il sindaco» ha scritto qualcuno su Facebook. La denuncia del primo cittadino Luca Della Bitta

Sono giorni di tensione a Chiavenna dove l'installazione di un autovelox ha letteralmente scatenato l'opinione pubblica. Un'installazione non gradita quella in via Volta, soprattutto alla luce delle numerose multe elevate (circa 3000) in solo poche settimane, tanto da spingere, in un'escalation di tensione, un ignoto a sparare contro lo strumento di rilevazione della velocità con il proprio fucile da caccia.

Un atto violento, su cui stanno indagando i carabinieri della compagnia di Chiavenna, che ha fatto esplodere, se ancora ce ne fosse bisogno, gli animi valchiavennaschi, specie sui social network. 

Le minacce al sindaco

Le copiose critiche nei confronti dell'Amministrazione chiavennasca, rea per molti di aver installato l'autovelox solamente per fare cassa, ha raggiunto l'apice del cattivo gusto quando diverse persone hanno giustificato l'utilizzo del fucile per eliminare il "problema". qualcuno ha perfino osato minacciare direttamente il primo cittadino Della Bitta: «Ci vorrebbe una bella schioppettata anche per il sindaco» ha scritto qualcuno su Facebook.

Parole che il sindaco non ha giustamente "digerito" tanto essersi già rivolto alle forze dell'ordine per presentare denuncia per minacce e diffamazione.

«Non siamo nel far west. L'autovelox in via Volta è stato posizionato su richiesta degli stessi abitanti della zona. In quel punto in passato ci sono stati incidenti mortali e il semaforo a chiamata non bastava l'impianto sarà sostituito, abbiamo già contattato la ditta per la nuova apparecchiatura il cui costo si aggira intorno al 50mila euro. Chi ha pensato di potersi fare giustizia con un gesto che appare intimidatorio pagherà. Stessa sorte per chi mi ha minacciato» ha scritto Luca Della Bitta.

da sondriotoday.it


Scrive il sindaco: «Non siamo nel far west. L'autovelox in via Volta è stato posizionato su richiesta degli stessi abitanti della zona. In quel punto in passato ci sono stati incidenti mortali e il semaforo a chiamata non bastava l'impianto sarà sostituito, abbiamo già contattato la ditta per la nuova apparecchiatura il cui costo si aggira intorno al 50mila euro. Chi ha pensato di potersi fare giustizia con un gesto che appare intimidatorio pagherà. Stessa sorte per chi mi ha minacciato». Ma siamo sicuri che non siamo nel far west? (ASAPS)

Mercoledì, 06 Novembre 2019
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK