Sabato 14 Dicembre 2019
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 05/11/2019

Auto ripulita nell’area di servizio: la polizia sventa il furto «tecnologico»

Tre cossovari arrestati subito dopo un colpo dagli agenti della Stradale. Avevano un’apparecchiatura a distanza che inibiva i telecomandi per chiudere le portiere. Bottino (restituito) da 5.500 euro
L’apparecchio sequestrato sull’auto degli arrestati

Sulla Lancia Delta usata per raggiungere l’area di servizio di Dalmine, in A4, la polizia ha trovato un’apparecchiatura che consente di inibire a distanza i telecomandi per chiudere le portiere delle auto. Potrebbero averla usata anche nel caso della Audi Q8 ripulita questa mattina 24 ottobre, alle 11.20, sotto gli occhi di due agenti in borghese. Tre cossovari di 22, 43 e 45 anni, tutti con precedenti e domiciliati nel Lodigiani, sono stati arrestati dalla Stradale di Seriate e costretti a consegnare il bottino che erano stati pronti a portarsi a casa: computer, borsa in pelle, contanti e due Montblanc per un totale di 5.500 euro.

Gli agenti erano appostati per un servizio finalizzato proprio alla prevenzione dei furti. Hanno notato il trio fuori dall’Autogrill. Quando è comparsa la Q8, il più giovane, A.D., ha seguito il proprietario all’interno probabilmente per comunicare il via libera agli altri. Poco dopo F.D. e Z.A. sono entrati in azione: hanno aperto il Suv e arraffato tutto quello che trovavano. Poi, hanno atteso che il complice tornasse. Sul più bello di andarsene, i poliziotti li hanno bloccati. Ora sono in arresto, mentre la refurtiva è stata consegnata all’automobilista, che l’ha riconosciuta e ha denunciato i tre.

da corriere.it


La fine tecnologia al servizio del crimine. Anche le forze di polizia devono mantenere il passo. Spesso ci riescono come gli agenti della Stradale di Dalmine sulla A4. (ASAPS)

Martedì, 05 Novembre 2019
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK