Lunedì 16 Dicembre 2019
area riservata
ASAPS.it su
Omicidio stradale , Notizie brevi ,... 27/09/2019

Il GIP del Tribunale penale di Roma
L’omicidio stradale commesso dal conducente sotto l’effetto di alcool e stupefacenti “è una condotta potenzialmente idonea a produrre danno agli interessi perseguiti dall’ASAPS”, associazione che annovera tra gli scopi statutari il perseguimento della sicurezza stradale e l’educazione della cittadinanza alla legalità.

 

L’omicidio stradale commesso dal conducente sotto l’effetto di alcool e stupefacenti “è una condotta potenzialmente idonea a produrre danno agli interessi perseguiti dall’ASAPS”, associazione che annovera tra gli scopi statutari il perseguimento della sicurezza stradale e l’educazione della cittadinanza alla legalità. Con questa motivazione, che dà atto dell’impegno di ASAPS nel promuovere la norma sull’omicidio stradale, il GIP del Tribunale penale di Roma – grazie al patrocinio dell’Avv. Simone Rusticelli del Foro capitolino - ha riconosciuto la legittimazione di ASAPS a costituirsi “iure proprio” in un processo per un  fatto che risale all’ottobre dell’anno scorso: intorno alle quattro del mattino nel piazzale del Gianicolo di Roma, una guardia giurata, rincasando su una Vespa dal turno di servizio, veniva travolta da una Peugeot condotta da un 21enne romano il quale sarebbe risultato positivo all’alcool e alle sostanze stupefacenti.

Il Tribunale di Roma aveva già riconosciuto la legittimazione dell’ASAPS come parte civile in un analogo procedimento dove l’omicida stradale si era dato alla fuga dopo essere stato coinvolto in un sinistro avvenuto nel quartiere Collatino. Anche in questo caso a patrocinare l’Associazione è stato l’avvocato Rusticelli.

Di una settimana fa l’ultimo riconoscimento dell’ASAPS come parte civile in un processo dove l’imputato, circolando sul GRA, aveva investito un operaio che lavorava in un cantiere ed era fuggito per poi essere rintracciato dalla Polstrada. Sottoposto ai test di legge sarebbe risultato positivo ad alcool e stupefacenti.

La Rete Legale della Fondazione ASAPS SSU – coordinata dallo Studio Baldassari di Forlì – ha ottenuto ragione circa la legittimazione di ASAPS ad intervenire al fianco dell’accusa nei processi per omicidio stradale aggravato in diversi Fori Italiani tra cui Padova, Pavia, Rimini, Piacenza, Brescia, Frosinone, Udine e Catanzaro.

Con queste iniziative ASAPS è scesa in campo per rendere operativa, nelle aule di giustizia, la norma sull’omicidio stradale che ha promosso con convinzione e tenacia.

Una motivazione di grande orgoglio per noi che ci siamo battuti fin dall’inizio per la legge sull’Omicidio stradale con le associazioni Lorenzo Guarnieri e Gabriele Borgogni. Diversi altri tribunali oltre quello di Roma ci hanno già riconosciuto la stessa legittimazione. (ASAPS)


Una motivazione di grande orgoglio per noi che ci siamo battuti fin dall’inizio per la legge sull’Omicidio stradale con le associazioni Lorenzo Guarnieri e Gabriele Borgogni. Diversi altri tribunali oltre quello di Roma ci hanno già riconosciuto la stessa legittimazione. (ASAPS)

Venerdì, 27 Settembre 2019
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK